I migliori tutorial avanzati per Android: scopri tutti i segreti del tuo cellulare

By | Maggio 8, 2019

È molto probabile che tu non stia sfruttando nemmeno la metà del potenziale che il tuo dispositivo Android può offrire. Questi piccoli computer tascabili che chiamiamo smartphone hanno un hardware sempre più avanzato e potente che, aggiunto alle possibilità offerte da un sistema operativo flessibile come Android, può essere utilizzato per una miriade di scopi che potresti non avere mai immaginato.





Ci vuole davvero poco tempo per arrivare a spremere tutto il potenziale di un cellulare e scoprire tutti i suoi segreti. In questa guida, raccogliamo alcuni dei tutorial più utili con cui eseguire azioni che vanno oltre la navigazione in Internet, il caricamento di foto su Instagram o la visione di video di gatti su YouTube.

Massimizza il tuo Android con questi tutorial avanzati

Bootloader: cos’è e come sbloccarlo

Conosci il sistema operativo Android da molto tempo, e potresti già avere familiarità con i concetti di blocco o sblocco del bootloader. Se, d’altra parte, hai appena iniziato con Android, potresti non avere la minima idea di cosa significhi questo processo. Qui ti spieghiamo che cos’è il bootloader.





Come abbiamo spiegato nella nostra guida completa su come sbloccare il bootloader su Android, questo “componente” del sistema operativo si riferisce alla parte di software che è responsabile della verifica che il sistema operativo non sia stato manomesso in alcun modo, e può avviare correttamente il telefono. In generale, può essere definito come una sorta di guida che aiuta il sistema operativo a conoscere le fasi da seguire durante il processo di avvio.

Pertanto, sbloccare il bootloader è un modo per bypassare alcune restrizioni, generalmente dal costruttore del dispositivo, e fare in modo che diventi possibile modificare il software installato dal produttore, ad esempio per l’installazione di una ROM personalizzata, la modifica del kernel o altri modi per modificare il funzionamento del dispositivo.

Le partizioni del tuo cellulare: che cosa sono?

Come qualsiasi altro sistema operativo, Android divide la memoria interna del dispositivo in diverse partizioni, ciascuna orientata a svolgere un ruolo diverso. /Boot, /system, /recovery, /data, /cache y /misc, sarebbe buono sapere a cosa serve ogni partizione. In generale, servono per:

  • /boot: include tutto il necessario per avviare il sistema operativo.
  • /system: contiene i file interni del sistema operativo.
  • /recovery: può essere definita come una partizione “/ boot” alternativa, che verrà utilizzata se necessario per accedere a determinate funzioni essenziali.
  • /data: contiene i dati dell’utente.
  • /cache: memorizza i dati di accesso frequente, per accelerarne la lettura dal sistema operativo e dalle app.
  • /misc: contiene impostazioni e dati relativi all’operatore di telefonia.

Come aggiornare il telefono anche se non sono disponibili aggiornamenti ufficiali

A questo punto, Android ha un serio problema di frammentazione. Molti smartphone non sono in grado di aggiornarsi all’ultima versione del sistema, poiché i rispettivi produttori decidono che il loro hardware non è pronto per questo. Anche se la maggior parte delle volte non è vero. E’ importante aggiornare un telefono Android?

Fortunatamente, ci sono modi per aggiornare manualmente qualsiasi dispositivo Android seguendo alcuni semplici passaggi, che dipenderanno dal modello del dispositivo e dal suo software. Come aggiornare telefono Android anche senza aggiornamenti ufficiali?

E, nel caso in cui siano disponibili nuove versioni, ma non appaiono durante la ricerca di aggiornamenti attraverso le impostazioni di sistema, è sempre possibile installare manualmente tramite un file OTA, qualcosa che sarà particolarmente utile per i possessori di un dispositivo Pixel di Google. Cosa fare prima di aggiornare Android?

Come formattare o fare hard reset al tuo cellulare Android

Di tanto in tanto sorgono problemi la cui soluzione va oltre un semplice riavvio. A volte, è necessario partire da zero e formattare il telefono, eliminando tutti i dati e le impostazioni in modo che il dispositivo ritorni ad essere come quando è uscito dalla fabbrica, almeno per quanto riguarda il suo interno.

Esistono diversi modi per formattare un telefono Android che abbiamo esaminato più dettagliatamente i questo articolo. Il più semplice è seguire i seguenti passi:

  • Apri le impostazioni di sistema e vai alla categoria “Sistema”.
  • Trova la categoria “Backup e ripristino” e accedi a “Elimina tutti i dati”.
  • Leggi le istruzioni e, quando ti è chiaro, fai clic sul pulsante “Ripristina telefono”.

Tuttavia, esiste anche un modo per ripristinare le impostazioni del dispositivo senza dover eliminare app o dati. E nel caso in cui non funzioni, una misura un po’ più drastica è quella di eseguire un hard reset, che eliminerà assolutamente tutte le informazioni memorizzate nel dispositivo.

Generalmente, questo processo viene eseguito per risolvere problemi operativi non correlati all’hardware del telefono, sebbene sia anche un buon modo per liberare la memoria del tuo dispositivo Android. Anche se è un operazione che non eseguirai molto spesso, è sempre buono sapere come fare.

Calibrare la batteria: è davvero necessario?

Ci sono dozzine di miti sulle batterie dei nostri telefoni, il primo, quello su come risparmiare batteria del nostro telefono Android, sia su come ricaricare correttamente il nostro telefono. Ma la necessità di calibrare la batteria di tanto in tanto non è una di queste.

Uno studio condotto da The Battery University ha concluso che, mentre le batterie dei nostri smartphone sono abbastanza intelligenti da “comunicare” con il sistema operativo, e in definitiva con l’utente attraverso di esso, non vi è alcuna garanzia che il funzionamento di queste saranno ottimali per tutta la sua vita. E la calibrazione è un processo che, prima o poi, sarà necessario per conoscere lo stato della batteria dal sistema indietro per essere precisi.

Il processo per calibrare la batteria del nostro cellulare è semplice: basta scaricare la batteria dello smartphone fino a quando il messaggio viene visualizzato “Low Battery”, secondo l’Università della batteria non è necessario per scaricare la batteria fino allo zero, e poi, ricarica completamente il cellulare. Come sapere quando è il momento di cambiare la batteria del telefono?

Sembra molto semplice e infatti lo è, ma ci sono altri fattori da considerare e alcuni aspetti interessanti che abbiamo visto nel nostro articolo dedicato a questo argomento.

Scopri tutti i componenti sul tuo cellulare

Il tuo cellulare è composto da migliaia di componenti diversi: schermo, processore, memorie, sensori… Se sei mai stato curioso di scoprire tutto ciò che il tuo terminale nasconde nelle sue viscere, puoi farlo attraverso una delle applicazioni per sapere cosa c’è dentro l’interno del tuo smartphon , come CPU-Z, Inware o AIDA64, tra gli altri.

È possibile avere un cestino in Android

A differenza di altri sistemi operativi, Android non ha un cestino nativo dove inviare i file da eliminare prima di liberarsi definitivamente di loro. Tuttavia, la libertà e la flessibilità offerta dal sistema agli sviluppatori ha permesso a questi di creare un’applicazione molto simile ad un cestino su Android. Uno dei più famosi e consigliati è Dumpster.

Scopri come rimuovere le applicazioni dal sistema: elimina il bloatware

I produttori e la loro mania di inondare il nostro cellulare di proprie applicazioni che non vogliamo, e che probabilmente non useremo mai. Questo tipo di software preinstallato e fornisce piuttosto poco o può anche diventare fastidioso è noto come bloatware. Che cos’è il bloatware?

Per fortuna, c’è un modo per disinstallare le applicazioni di sistema su Android, e anche se il processo può sembrare complesso a prima vista, la verità è che serve un computer con i driver installati ADB, e memorizzare una serie di comandi con rimuovere le app installate dal produttore:

Non hai bisogno di permessi di superutente sul tuo cellulare per rimuovere il bloatware. Solo un cavo USB e un computer con i driver ADB installati. Se soddisfi i requisiti, questi sono i passaggi che devi seguire:

    • Innanzitutto, attiva il debug USB del telefono e collegalo al computer.
    • Ora, apri una finestra di comando CMD o Terminale sul computer.
    • Per verificare che il telefono sia stato connesso correttamente, eseguire il comando “adb devices”. Il numero di identificazione del dispositivo deve apparire nella finestra di comando.
    • Sul computer, inserisci l’istruzione “adb shell”.
    • Per elencare tutte le applicazioni preinstallate dal produttore del dispositivo, è necessario eseguire il comando “pm list packages | grep ‘brand’ “. Ad esempio, pm list packages | grep ‘samsung.
    • Per eliminare un’applicazione specifica, inserire il comando “pm uninstall -k – -user 0 nomepacchetto”. Per esempio pm uninstall -k – -user 0 com.samsung.calculator”.
    • Ripeti il ​​passaggio precedente con tutte le app che desideri disinstallare.

MirrorLink e Android, ciò che avresti sempre voluto sapere

Prima c’erano piattaforme come Android Auto di Google o CarPlay di Apple, MirrorLink era lo standard con cui gestire il nostro smartphone attraverso i controlli di un veicolo compatibile.

V’è una lunga storia alle spalle MirrorLink, e anche se le alternative sviluppate da entrambi i produttori di smartphone, come quelli appartenenti al settore automobilistico hanno rubato un po’ la scena a questa piattaforma, rimane una delle soluzioni più complete e utili che esistono. Per usarlo, dovresti controllare solo se il tuo cellulare e la tua auto sono compatibili.

Cambi il tuo cellulare? Condividi le tue app tramite Bluetooth

Anche se avresti già dovuto eseguire il backup completo del tuo telefono Android, a volte potresti trovarti nella situazione in cui desideri inviare un’app specifica da un dispositivo mobile all’altro nel modo più il più velocemente possibile e senza dover ripristinare un backup completo.

In questo caso, la nostra guida per l’invio di applicazioni via Bluetooth ti aiuterà. Il processo è molto semplice e in effetti devi solo fare due passi oppure leggi qui su come trasferire le applicazioni da un dispositivo Android ad un altro?

  • Estrai il file APK dell’applicazione che stai per inviare con un’app come ML Manager.
  • Tramite il browser di file, inviare l’APK tramite Bluetooth.

Scopri come disinstallare più applicazioni contemporaneamente

Per impostazione predefinita, Android non offre la possibilità di disinstallare più applicazioni contemporaneamente. Ciò, tuttavia, non significa che non sia possibile farlo. Devi solo scaricare un’applicazione come Easy Uninstaller e seguire i passaggi indicati sul display.

Accedi al router dal tuo cellulare e configura la tua connessione Wi-Fi

Forse non lo sapevi, ma puoi accedere alla configurazione del router Wi-Fi nella tua casa direttamente dal cellulare e configurare aspetti come la password o il nome della rete, il tipo di sicurezza e molto altro. Normalmente, basta accedere dal browser all’indirizzo di rete del router, normalmente 192.168.1.1 o 192.168.0.1, anche se è possibile che, a seconda del router, sia possibile farlo tramite la propria applicazione o che il processo sia leggermente diverso. Comunque sia, qui trovi una guida su come gestire il tuo modem!

Accedi a tutte le password Wi-Fi che hai salvato

E a proposito di Wi-Fi, sai che il tuo telefono cellulare conserva tutte le password delle reti a cui sei connesso? Puoi vederli seguendo alcuni semplici passaggi, che saranno diversi a seconda che il telefono se è root o meno. Se disponi di autorizzazioni come superutente, scarica semplicemente un’app come WiFi Password. In caso contrario, il processo richiederà un computer con i driver ADB e l’esecuzione delle seguenti istruzioni nella finestra di comando:

adb pull /data/misc/wifi/wpa_supplicant.conf c:/wpa_supplicant.conf

Oppure leggi il nostro articolo come vedere le password WiFi salvate su Android? Android è un sistema operativo in costante evoluzione e, con ogni aggiornamento importante del sistema, le modifiche vengono introdotte a livello strutturale e operativo, che innescano l’emergere di nuovi segreti. Questi sono solo alcuni dei tutorial avanzati con cui sfruttare al massimo il potenziale di qualsiasi telefono Android, anche se l’elenco continuerà a crescere man mano che nuove lacune vengono scoperte nel sistema per poter trarre vantaggio in un modo o nell’altro.

Codici segreti del tuo cellulare che probabilmente non conoscevi





Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.