Le 5 migliori app benessere digitale per Android

By | Aprile 23, 2019

Sappiamo tutti che usiamo il nostro telefono molto più spesso di quanto dovremmo. Mentre precedentemente era per la sola intenzione di portare a termine il lavoro, ora la situazione si è invertita. E quel poco di tempo che passiamo a fare il nostro lavoro, le distrazioni sotto forma di notifiche telefoniche ci fanno perdere la concentrazione e l’attenzione.





Dipendenza da telefonino? I rischi per i nostri figli.

Sono stato vittima di questo per molto tempo, grazie alla mia abitudine di leggere ogni thread su Twitter e Reddit e di guardare tutte le ultime foto caricate su Instagram. Ovviamente, sono andato alla ricerca di modi per combattere questa dipendenza, e sono approdato ad alcune app di benessere digitale che promettevano di combattere questa dipendenza. Ironico, lo so.

Inizialmente, stavo cercando un’app che mi consentiva di sapere quanto tempo sto spendendo sul mio telefono e, cosa ancora più importante, quanto sto sprecando. In breve, dovrebbero dare un’idea del tempo trascorso sullo schermo analizzando il tempo di utilizzo complessivo, monitorando l’utilizzo dell’app e il numero di notifiche ricevute.

Tuttavia, se sei uno come me che è passato oltre quel punto, è meglio cercare app più rigide, che ti consentano di bloccare del tutto determinate app o notifiche di app. Ma soprattutto, la tua app dovrebbe raggruppare una funzione di downtime che segnali in modo efficace quando fermarti … specialmente di notte. Ora, che abbiamo stabilito le basi, vediamo alcune delle app.





1. YOUR HOUR

Il mio primo esperimento è stato con Your Hour. Questo adotta un modo passivo per raccontarti le tue abitudini telefoniche. Non appena sblocchi il telefono, Your Hour avvia un timer per tracciare il tuo utilizzo. Inoltre, il timer per le singole app è indipendente dal timer principale.

Tutto ciò viene fatto con la speranza che una volta che il timer è in esecuzione, il telefono verrà utilizzato in modo più responsabile. Inoltre, mentre imposti l’app, ti verrà chiesto di impostare i tuoi obiettivi di utilizzo.

Inoltre, raccoglie i dati di utilizzo passati e ti mostra il tuo livello di dipendenza. L’app sembra pensare che il mio sia ancora moderato, grazie a Dio. Oltre a ciò, l’app Your Hour ti offre una panoramica di base del tempo di utilizzo della tua app. Inoltre, visualizza anche il numero di sblocchi, tra gli altri.

La parte migliore è che puoi creare piccole sfide per testare il tuo livello di impegno per il benessere digitale. Ci sono sfide semplici come stare lontano dal telefono per un’ora o non usare un’app specifica per un limite di tempo particolare. Your Hour non fa molto se non farti capire di essere un po’ più responsabile con il tuo telefono.

2. ACTIONDASH

Il mio secondo esperimento è stato con ActionDash che ha quasi le stesse funzionalità del modulo Digital Wellbeing trovato nei telefoni Pixel. ActionDash è tutto incentrato sull’esame del tempo trascorso sul telefono. Analizza i tuoi schemi di utilizzo, quale app usi frequentemente, quanto tempo dedichi a ciascuna di esse, tra molte altre cose.

Tutte queste informazioni ti vengono mostrate in grafici visivamente accattivanti. Che si tratti del tuo utilizzo settimanale o del tuo uso quotidiano, qui puoi trovare tutto sulle tue abitudini telefoniche.

A fine giornata, ActionDash può darti qualche suggerimento sul tempo che hai passato con lo schermo acceso e sulle tue abitudini di utilizzo, ma quando si tratta di agire, purtroppo, non può fare molto. Come si suol dire, si tratta solo di capire come si passa il tempo sul telefono (e non quanto).

3. STAY FOCUSED

Sei una persona che ha bisogno di qualcosa di più delle semplici notifiche sul tempo che tieni gli occhi sullo schermo? In caso affermativo, cerca di rimanere concentrato.

Come suggerisce il nome, questo ti aiuta a focalizzare meglio permettendoti di impostare il tempo di utilizzo per ogni app. Ad esempio, puoi limitare l’utilizzo di Netflix a soli 30 minuti al giorno. E se vuoi fare un po’ di più, puoi anche impostare i giorni in cui desideri bloccare l’accesso.

La funzione che adoro di Stay Focused è l’opzione Numero di lanci / aperture. Se stai leggendo questo articolo, devi già sapere quante volte apriamo e riapriamo determinate app in un giorno. Questa particolare caratteristica aiuta a combattere tale dipendenza impostando un limite di tempo.

Come Action Dash, Stay Focused ti offre anche una rappresentazione visiva del tuo uso quotidiano. Quindi, se hai un’app che sta rubando la tua vita, sai cosa fare.

4. DAYWISE

Di gran lunga, Daywise è una delle poche app che funziona benissimo (secondo me). A differenza delle app di cui sopra, questa non blocca completamente le app né mostra un grafico sull’utilizzo del telefono. Invece, blocca collettivamente le notifiche delle app e le mostra a gruppi successivamente.

L’app ti consente di separare le app in base alla loro importanza. Una volta scelte quelli che ti servono, puoi mettere il resto nella coda del gruppo e porre finalmente fine alle fastidiose notifiche. Quando arriva il momento, l’app ti avviserà delle notifiche perse. Per visualizzarle, apri semplicemente l’app.

Ho usato questa app per un po’ di tempo e, inutile dirlo, l’utilizzo del mio telefono è diminuito drasticamente. Ora non c’è nessuno che mi avvisi di tanto in tanto sui DM di Instagram o sulla mia attività su Twitter. E anche se sblocco il mio telefono, il vassoio delle notifiche vuoto mi spinge a tenerlo bloccato. L’app ha molte impostazioni personalizzabili. Puoi configurare sia le app che il tempo.

Smartphone ai bambini: quando è sbagliato?

5. COLOR BREEZE

Usare il telefono prima di andare a dormire è una pratica comune per molti di noi. Devi scorrere infiniti loop di thread Reddit o guardare le inserzioni Amazon e, prima che tu te ne accorga, hai sprecato una quantità di tempo preziosa.

Color Breeze tenta di risolvere questo problema sullo schermo con sfumature di grigio. È una semplice app in cui è necessario inserire l’ora e il giorno e l’app si prenderà cura di tutto il resto. L’unico problema leggermente complicato è che questa app verrà eseguita quando si concedono le autorizzazioni tramite ADB. Segui i passaggi seguenti per far funzionare questa app.

Passaggio 1: vai alle impostazioni del telefono, scorri verso il basso fino a Sistema e individua Numero di build. Toccare il numero di build sette volte per attivare le impostazioni per gli sviluppatori.

Passo 2: Una volta terminato, abilita l’opzione per il debug USB (sotto Opzioni sviluppatore).

Passaggio 4: se ADB non è installato, scaricare e installare ADB minimal e Fastboot sul PC.

Una volta installato il programma, si aprirà automaticamente una finestra di comando.

Passaggio 5 : ora collega il telefono al PC e digita il seguente comando nella finestra di comando.

adb devices

Questo mostrerà l’elenco dei dispositivi disponibili.

Quindi, digita il seguente comando, e il gioco è fatto.

adb shell pm grant com.reverp.colorbreeze android.permission.WRITE_SECURE_SETTINGS

Passaggio 4: Ora apri l’app e vedrai una piccola casella di controllo che dice Abilita Color Breeze.

Tocca su Impostazioni per personalizzarlo ulteriormente.

Lo so, i passaggi potrebbero sembrare un po’ complicati per una semplice app. Ma credimi, poserai il telefono da solo quando vedrai lo schermo diventare grigio. Molto efficace!

FARE UNA PAUSA!

La prossima volta che proverai una folle voglia di sbloccare il telefono e continuare a perdere la vista sullo schermo del tuo cellulare, pensa invece di fare una passeggiata. Fidati di me, e ne varrà la pena (tranne quando sei in metropolitana e fai il pendolare per andare al lavoro).

Prova queste app di benessere digitali e facci sapere quale è più adatta alle tue esigenze.

E’ ufficiale, lo smartphone fa male ai tuoi occhi





Author: Morgana Presi

Mi chiamo Morgana e non sono una fata. Scrivo di tanto in tanto per Guidesmartphone.net articoli che parlano di tecnologia. Mi piace scrivere di smartphone. Nella vita studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.