Home  »  Guide Tecnologiche   »   Come scegliere una stampante 3D

Come scegliere una stampante 3D

By | Gennaio 11, 2019

Vorresti comprare una stampante 3D? Nel caso in cui la risposta è affermativa, sono sicuro che hai qualche dubbio e vorresti sapere come scegliere una stampante 3D. Qui sotto ti diciamo tutto ciò che devi sapere per comprare una stampante 3D.




Ogni volta che facciamo un acquisto, prima di lanciarci nell’avventura, la prima cosa da fare è conoscere a fondo il prodotto e analizzarne le caratteristiche. Il compito di scegliere una stampante 3D non fa eccezione, ci sono un certo numero di consigli pratici e caratteristiche che ti permettono di sapere se quel modello è giusto o no per te.

Sebbene a priori alcuni di questi aspetti potrebbero passare inosservati, sono molto importanti. A seconda del tipo di utilizzo che ne farai, potresti sbagliare a scegliere la tua stampante 3D.

Pertanto, è importante prendere in considerazione una serie di consigli per l’acquisto di una stampante 3D. Fare un’acquisto del genere alla cieca potrebbe limitarti nell’uso della stampante. Perciò continua a leggere la guida se hai deciso di acquistare una stampante 3D.




Con quale materiale stamperai?

Una delle prime considerazioni che devi valutare quando scegli la tua stampante 3D è il tipo di filamenti e materiale che vorresti usare per stampare i tuoi oggetti 3D. Pertanto, se non ci hai ancora pensato, fallo adesso.

Tieni presente che non tutti i materiali e filamenti hanno lo stesso prezzo o sono così versatili, quindi acquista un modello in base al materiale che utilizzerai quotidianamente.

Ovviamente, le stampanti 3D compatibili con più materiali sono anche più costose. Compra la stampante in base al materiale che hai bisogno di lavorare.

Dimensione dell’oggetto da stampare

Il secondo consiglio per acquistare una stampante 3D è essere chiari circa la dimensione approssimativa degli oggetti che creerai con questo dispositivo. Può sembrare ovvio, ma a volte ci sono persone che acquistano un modello per stampare determinati oggetti che in seguito si rivela di dimensioni non supportate o appropriate.

Se devi stampare piccoli pezzi, sei fortunato perché queste stampanti sono molto più economiche. Se invece devi creare modelli e oggetti più voluminosi, allora devi spendere qualche € in più.

Assemblata o in kit?

Esistono due tipi di stampanti 3D: da un lato ci sono quelle che vengono vendute già assemblate e pronte per essere utilizzate. D’altra parte troviamo quelli che arrivano a pezzi, anche chiamati in kit, che l’utente deve assemblare.

Nel secondo caso è consigliabile avere le conoscenze giuste per assemblare il kit. Se stai decidendo l’acquisto di una stamapnte 3D, il mio consiglio è comprare una stampante 3D già assemblata.

Open Source, la migliore opzione per utenti avanzati

Per coloro che hanno già avuto a che fare con diverse stampanti 3D, c’è una sorpresa che vi offrirà ore e ore di divertimento.

Queste sono le stampanti Open Source, quelle a cui l’utente può apportare modifiche e miglioramenti, tramite software o stampando nuove parti per migliorarne l’usabilità.

Anche nel 2019 ci sono relativamente poche stampanti di questo tipo sul mercato, anche se alcuni modelli stanno per arrivare in Italia.



Leggi anche ...

Author: Morgana Presi

Mi chiamo Morgana e non sono una fata. Scrivo di tanto in tanto per Guidesmartphone.net articoli che parlano di tecnologia. Mi piace scrivere di smartphone. Nella vita studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.