Come va Xiaomi Mi A1 e perché comprarlo

By | maggio 11, 2018

Il produttore cinese ha oltrepassato i confini del proprio paese in modo molto aggressivo e uno dei telefoni utilizzato per questa espansione è Xiaomi Mi A1. Frutto della sua relazione con Google, il primo telefono di Xiaomi con Android One non ci ha lasciati indifferenti e avendo avuto l’opportunità di usarlo poco dopo la sua uscita abbiamo visto come si comporta nella vita di tutti i giorni. Andiamo per gradi.




Xiaomi Mi A1 è uno dei telefoni cellulari più promettenti dell’anno. Lo abbiamo usato intensamente e questa è stata la nostra esperienza. Ha un design molto riconoscibile, e se ti piacciono i telefoni Apple, questo potrebbe davvero piacerti.

Tuttavia, ci sono più differenze di quanto pensi. I pulsanti del volume si trovano sul lato destro e sopra il pulsante di accensione. Un’altra differenza fondamentale è nella zona inferiore, dove vediamo il jack da 3,5 mm e la porta USB di tipo C, oltre all’altoparlante.

Per quanto riguarda la sua ergonomia, non è il cellulare con schermo da 5,5 pollici più comodo da maneggiare, e il colpevole in questo caso è la bassa curvatura dei suoi lati. Ironia della sorte, questa carenza di curvatura contribuisce anche a rendere il cellulare più facile da tenere nelle mani.




Come va Xiaomi Mi A1 e perché comprarlo

Forse l’aspetto che più si distingue lo vediamo nella zona inferiore del lato posteriore. Sotto il logo di Xiaomi, abbiamo trovato il logo della comunità europea, nonché una serigrafia che questo telefono appartiene ad Android One, il programma di Google che garantisce un software simile a quello che si trova su un Google Pixel o Nexus.

Anche all’interno il dispositivo è molto attraente. Abbiamo uno Snapdragon 625; simile ai suoi rivali di gamma media; con 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna (sebbene ci sia anche una variabile più economica con 32 GB). L’USP di questo telefono è proprio nella memoria.

Il fatto che questo cellulare abbia ricevuto così tanti titoli non è casuale. Tra i telefoni cellulari del marchio non ha il miglior rapporto qualità/prezzo (direi che suo fratello, Redmi Note 4 merita questo premio) ma ciononostante, ha un fattore che lo differenzia dal resto dei telefoni cellulari. Il software.

E’ dotato di un hardware mostruoso, di una batteria gigantesca e di uno strano software (Xiaomi non Google). Ci sono solo due applicazioni Xiaomi su questo cellulare, e sono l’applicazione della fotocamera e un’applicazione per segnalare commenti o errori a Xiaomi.

Xiaomi promette che questo Mi A1 sarà il primo telefono a ricevere Android P. Buone intenzioni….

La cosa più importante alla fine per un telefono come questo è l’esperienza d’uso. È inutile avere Android puro se poi ci sono punti deboli che ne minano l’uso. Dopo diversi giorni di utilizzo, le mie conclusioni sono molto chiare. È un ottimo cellulare, ma non è perfetto, tutt’altro.

La prima cosa che devi tenere a mente è che se stai cercando un terminale compatto, cancella questo telefono dalla tua testa. Avere un grande display significa che è un terminale che si presta all’utilizzo intensivo di contenuti multimediali, applicazioni o giochi.

Come va Xiaomi Mi A1

Il display non sorprende, sebbene la qualità e il livello di luminosità offrano una buona esperienza.

La luminosità automatica d’altra parte è buona, rispetto ai concorrenti nella sua fascia di prezzo. Il suono, mi è piaciuto molto. Sembra forte e chiaro, un gradino sopra a quello che potremmo trovare tra i suoi concorrenti.

Se state utilizzando un’applicazione e continuate a premere sul pulsante delle applicazioni recenti, attiverete la modalità schermo diviso e la transizione a questa modalità è rapida e naturale. Non è un’esclusiva di questo cellulare, ma funziona molto bene.

Alla fine, l’hardware ci consente di utilizzare qualsiasi tipo di applicazione o gioco senza problemi. L’esperienza non è così veloce come può offrire un cellulare di fascia alta, ma per la sua categoria è abbastanza solido.

Quando si scattano foto, il doppio sensore è uno dei principali protagonisti. Alcuni Honor e il recente Moto G5S Plus già l’avevano, comunque penso che questo Xiaomi offra la migliore modalità ritratto offerta a questo prezzo.

Al di fuori della modalità verticale, la qualità delle foto è decente. Ma se ti piace fare i selfie, scarta questo cellulare. Il caricabatterie che viene fornito è da 5V a 2 Ampere, una velocità che sebbene non sia male, è molto migliorabile.

Ho provato con un caricabatterie con Quickcharge 3.0 e carica alla stessa velocità. Ad esempio, BQ Aquaris X e Moto G5S Plus si caricano notevolmente più veloce.

Il LED per le notifiche. È uno strumento molto utile per sapere quali notifiche si ricevono senza accendere il telefono. Xiaomi Mi A1 ha notifiche LED, ma solo in bianco.

La fotocamera frontale e la luminosità automatica sono due aspetti con molti margini di miglioramento.

Il lettore di impronte digitali è di buon livello. Non mi ha deluso neanche una volta, e lo sblocco è veloce.

Ha una porta a infrarossi. Con esso è possibile controllare la televisione, l’aria condizionata e quasi tutti i dispositivi dotati di questa funzione.

E’ stata un’esperienza senza sorprese. Android puro è una garanzia, ottime performance anche se non è molto veloce, in compenso è solido e molto stabile.

Come va Honor 7X e perché comprarlo


Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.