Come va LG Q6 e perché comprarlo

By | dicembre 29, 2017

LG sa cosa ci piace, o quasi. A causa della sua somiglianza con il fratello maggiore il G6, questo telefono è anche noto come LG G6 Mini e il soprannome è molto vicino alla realtà. Da momento del rilascio, per fortuna il Q6 ha visto un calo del prezzo, meno male, in queste ultime settimane lo si può trovare anche a 250€, prezzo più che giusto osservando le sue caratteristiche.




LG Q6 – Design

La somiglianza con l’LG G6 è davvero eccezionale. Sembra avere tra le mani un G6 che si è ridotto dopo averlo lavato in lavatrice, perdendo anche alcune caratteristiche. La verità è che in termini di design non si può dire nient’altro, LG ha fatto un buon lavoro. I dispositivi di fascia media con questo design non si vedono tutti i giorni.

Ha una montatura in metallo con una finitura satinata sui lati con l’onnipresente taglio a diamante nei punti in cui il bordo si unisce ai due lati dello smartphone. Non ha interruzioni di plastica per la separazione delle antenne.

La parte posteriore dello smartphone non è in vetro, ma si tratta di un materiale plastico poco resistente ai graffi. Dopo alcuni giorni di utilizzo ho trovato una serie di graffi (molto leggeri, è vero, ma ancora visibili) che possono essere accettati solo dopo un paio di mesi di vita del telefono.




Per il resto tutto bene. Il dispositivo è certificato secondo lo standard militare 810G, il che significa che la qualità della costruzione è eccellente. I tasti del volume si trovano sul lato sinistro del display, mentre il pulsante di accensione si trova sul lato destro.

Nessun pulsante posteriore o lettore di impronte digitali, poiché è stato sostituito dal riconoscimento facciale. Ma ne parleremo più avanti.

LG Q6 – Display

Sebbene la forma assomigli a quella del fratello maggiore, lo schermo dell’LG Q6 non è uguale a quello del G6. Quello che i due hanno in comune è solo il rapporto 18: 9 (o 2: 1 se preferisci). Per quanto riguarda le dimensioni ci fermiamo a 5,5″, con risoluzione FullHD + (pari a 2160×1080) e con una densità di pixel di 442ppi.

La tecnologia utilizzata è sempre IPS, ma non abbiamo trovato alcuna certificazione HDR10 o Dolby Vision. Questo non significa che il display è brutto, anzi.

I colori sono molto naturali, non troppo saturi. I bianchi tendono leggermente al blu, ma penso che sia molto meno evidente di uno schermo giallo. I neri sono profondi e di alto contrasto, ma è ovvio che non raggiungono il livello di un AMOLED.

In questi giorni mi è piaciuto molto guardare foto e video su questo schermo, poiché li riproduce uguale all’originale.

La luminosità è sufficientemente elevata, ma non abbastanza per rendere piacevole l’uso dello smartphone all’aperto nelle soleggiate giornate estive. La luminosità minima è sufficientemente bassa da non disturbare l’oscurità. Ha anche una modalità chiamata Comfort View che riduce la luce blu in modo da non creare affaticamento degli occhi.

L’unica cosa che mi ha veramente infastidito sono le barre nere che appaiono ai lati del cursore durante la riproduzione dei video a schermo intero.

Queste bande non possono essere rimosse come nel caso del Galaxy S8, che consente di ingrandire leggermente il video per riempire gli spazi vuoti.

LG Q6 – Funzioni speciali

Riconoscimento facciale

La compagnia coreana ha deciso di non implementare il lettore di impronte digitali nell’LG Q6. Invece ha implementato un riconoscimento facciale simile a quello introdotto da Google nelle versioni precedenti di Android, leggermente migliorato e molto più preciso e veloce.

Questo metodo di sicurezza non è sicuro come il riconoscimento dell’iride del Galaxy S8, ma è molto più veloce.

La mancanza di un lettore di impronte digitali è ancora evidente ogni volta che il riconoscimento del volto fallisce (ad esempio, perché indossiamo occhiali da sole) dobbiamo mettere il PIN o disegnare il modello. Questo si trasforma in frustrazione.

Fortunatamente, il riconoscimento facciale raramente non funziona, anche in condizioni di scarsa luminosità è stato molto affidabile.

Ovviamente, in caso di illuminazione totalmente assente, o in situazioni di illuminazione eccessiva, è impossibile per lo smartphone riconoscere il volto da sbloccare autonomamente.

È molto interessante il fatto che, semplicemente sollevandolo dal tavolo, il sistema di riconoscimento facciale si attivi automaticamente e, se riesce, si accenderà e si sbloccherà anche senza premere alcun pulsante.

LG Q6 – Software

La versione corrente di Android su questo dispositivo è 7.1.1. Ovviamente non troviamo la versione Android stock, perché il sistema operativo è stato personalizzato da LG con la sua UX 6.0, che si adatta perfettamente allo schermo 18: 9 come nel G6.

Sebbene praticamente tutta l’interfaccia utente sia stata modificata da LG, abbiamo trovato molti elementi stock Android e la maggior parte delle applicazioni preinstallate proviene da Google o LG, ma con un design molto bello e in conformità con le linee guida del Material Design.

La schermata principale di base non viene fornita con un tasto dedicato alle applicazioni, tuttavia, può essere attivata tramite le impostazioni. L’aspetto della barra delle applicazioni è forse troppo simile a Android Jelly Bean. È inoltre possibile personalizzare il colore delle singole cartelle o modificare il tema delle icone scaricando gli elementi più recenti da LG Store.

Trovo la presenza dello smart doctor molto comoda per monitorare la salute e la pulizia dello smartphone, dandoti consigli di tanto in tanto. Quindi possiamo pulire il dispositivo da file temporanei, RAM, risparmiare energia o persino testare l’hardware del nostro telefono se non siamo sicuri del corretto funzionamento di alcuni componenti.

LG Q6 – Prestazioni

Il punto dolente di questo dispositivo sono senza dubbio le performance. Non è che il telefono reagisce male in tutte le situazioni, ma per il prezzo con cui viene venduto è sproporzionato rispetto alle sue specifiche tecniche.

Abbiamo uno smartphone con un design e uno schermo molto competitivi e un software molto carino, perché rovinare tutto con una configurazione hardware mediocre? Il Q6 mi ha deluso molto a riguardo.

A bordo abbiamo solo un Qualcomm Snapdragon 435 SoC composto da una CPU a 8 core con una frequenza massima di 1,4 GHz e una GPU Adreno 505.

Non lasciatevi ingannare dal numero di unità di calcolo, poiché la potenza di questo chip è significativamente inferiore rispetto alla concorrenza in questa fascia di prezzo e il SoC più potente della serie Qualcomm Snapdragon 600.

La RAM è di 3 GB ed è sufficiente per la maggior parte delle applicazioni, il multitasking è buono e le applicazioni rimangono abbastanza a lungo in background prima di essere chiuse automaticamente.

LG Q6 – Audio

La qualità del suono dell’uscita jack è normale. Niente di particolare, non c’è DAC dedicato all’audio HIFI e il chipset utilizzato da LG non ha una potenza così elevata da garantire un volume molto alto.

Le cuffie nella confezione sono le tristi classiche cuffie in plastica rigida che, con il minimo movimento escono fuori dall’orecchio. Mi sarei aspettato questo da telefoni di fascia bassa. Con l’uso di cuffie Bluetooth non ho riscontrato alcun problema. Accoppiamento rapido e qualità standard, nonché con l’uso del cavo. Niente di più e niente di meno.

L’altoparlante principale è il vero problema qui.

LG ha posizionato l’altoparlante di questo telefono sul retro dove può essere coperto molto facilmente. Il produttore ha anche creato una sorta di cavità in cui sono posizionati i fori per l’uscita audio, al centro del quale c’è un piccolo rilievo per evitare, appunto, che gli altoparlanti siano coperti quando si posiziona il telefono su una superficie piana.

Il suo spessore non è sufficiente per separare realmente il telefono dalla superficie su cui poggia e il risultato è un suono soffocato di pessima qualità.

LG Q6 – Fotocamera

Le due fotocamere sono molto simili a quelle del G6, almeno nelle caratteristiche. La parte posteriore ha un sensore da 13 MP con 1,12 μm in pixel. Ciò che cambia è l’apertura focale, qui è f/2.2 (a differenza del f/1.7 G6) e la mancanza di uno stabilizzatore ottico, che è molto evidente nelle immagini scattate di notte.

La fotocamera frontale ha invece un sensore da 5MP con 1,12 μm in pixel, angolo di visione di 100° e f/2,2: questa volta sono esattamente le stesse caratteristiche del G6. L’applicazione della fotocamera è semplice e va dritta al punto.

Senza fronzoli. Non esiste una modalità manuale e le modalità di scatto sono solo tre. Sono disponibili filtri colore per cambiare la tonalità delle foto. L’unica caratteristica che ho trovato fuori posto e difficile da ottenere era la modalità HDR, che è nascosta nella configurazione.

LG Q6 – Batteria

La batteria dell’LG Q6, per fortuna, non delude. Questo perché il telefono ha un hardware con caratteristiche molto limitate, l’autonomia in standby è eccellente.

Verdetto finale

L’idea su cui è stato progettato questo telefono è molto buona: uno smartphone esteticamente simile ma con caratteristiche leggermente ridotte in modo che il prezzo fosse inferiore a quello del G6.

Ideale per chi desidera un telefono con schermo Super Fullvision senza la necessità di acquistare un dispositivo di fascia alta. Unica pecca “importante” il processore, poi per il resto è un ottimo telefono.


Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *