I primi smartphone 5G potrebbero apparire nella prima metà del 2019

By | luglio 24, 2018
I primi smartphone 5G potrebbero apparire nella prima metà del 2019

I primi smartphone 5G potrebbero apparire nella prima metà del 2019: Qualcomm svela l’antenna 5G mmWave al mondo. Oggi, Qualcomm ha annunciato di aver raggiunto una svolta e di aver prodotto la prima antenna 5G al mondo che permetterà ai primi smartphone 5G di arrivare già dalla prima metà del 2019.




L’azienda ha sfruttato le potenti onde millimetriche (mmWaves), che consentono di ottenere più velocità, cellulari più veloci rispetto a quelli attualmente disponibili con il 4G. Per fare questo, Qualcomm ha superato una serie di ostacoli tecnologici difficili, tra cui maggiori interferenze e difficoltà di formazione del fascio che hanno impedito a mmWaves di viaggiare su lunghe distanze.

La nuova antenna (nella in alto) è piccola e funzionerà a fianco del modem Qualcomm X50 5G. La società ha già inviato dei campioni ai clienti, il che significa che se tutto andrà secondo i piani, gli smartphone come la serie Galaxy S10 il prossimo anno potrebbero avere una vera connettività 5G.

I PRIMI SMARTPHONE 5G STANNO ARRIVANDO!

Questi dispositivi 5G futuristici supporteranno velocità non solo più volte più veloci di quelle che puoi ottenere attualmente dal 4G, ma anche molto più veloci di quelle ottenute dal tuo provider internet di casa.




Qualcomm è stata una delle prime aziende a commercializzare con successo i modem 4G e ha raccolto i vantaggi di essere la prima, e spera di ripetere il suo successo con le reti 5G.”Con il 5G, i consumatori possono aspettarsi velocità Internet gigabit con una reattività senza precedenti nel palmo delle loro mani, che rivoluzionerà l’esperienza mobile”  , ha affermato Cristiano Amon, Presidente di Qualcomm.

“Il consenso comune era … era impossibile far funzionare l’onda millimetrica nei dispositivi mobili” , ha affermato Sherif Hanna, direttore del marketing di Qualcomm. Ma i nuovi moduli di Qualcomm sono “un’innovazione tecnologica che consentirà una nuova generazione di reti in grado di garantire velocità Internet mai raggiunte prima”.

La velocità di download massima teorica dei telefoni 5G è di 5 Gbps, ma le aspettative più realistiche puntano a dispositivi che supportano le velocità di download di 1,4 Gbps ancora più incredibilmente veloci, secondo Qualcomm.

In confronto, attualmente abbiamo una velocità di circa 70Mbps per il download in 4G. L’altro grande vantaggio del 5G mmWaves è che funziona bene in aree densamente popolate, il che significa che tali velocità almeno inizialmente si potranno avere in città grandi e dense come New York.

I primi smartphone 5G potrebbero apparire nella prima metà del 2019

Il nome in codice del componente dell’antenna rivoluzionaria che Qualcomm ha appena svelato è QTM052, e per i tecnici inclini, specifichiamo che supporterà una larghezza di banda fino a 800 MHz nei 26.5-29.5 GHz (n257), così come l’intero 27.5-28.35. GHz (n261) e 37-40 GHz (n260) bande mmWave.

Fino a quattro di queste antenne possono essere integrate nel modem Qualcomm X50 che dovrebbe apparire nei futuri smartphone 5G.

Avere più di una di queste antenne è importante perché le onde sono così sensibili che semplicemente mettendo la mano dove è posizionata l’antenna è in grado di bloccare il segnale, così i produttori di telefoni dovranno spargere le antenne in diverse parti del telefono, quindi quando copri una parte di il telefono, il segnale potrebbe passare attraverso una parte diversa del dispositivo e in modo da poter sempre avere il segnale.

Il grande risultato di Qualcomm con questa antenna e mmWaves è che racchiude quelle piccole onde in un singolo raggio, una tecnologia chiamata beam forming.

Mentre il segnale 4G tradizionale viene inviato direttamente a una torre 4G, l’invio di un mmWave direttamente a una torre cellulare non ha alcun effetto in quanto tali onde sono troppo corte e sono bloccate facilmente da alberi e muri. Avere un raggio di quelle onde, ha permesso a Qualcomm di creare un segnale che può viaggiare fino a 200 metri (656 piedi) e curvare intorno agli edifici.

Il segnale che riceve una torre può essere solo di una singola antenna, ma avere più antenne a bordo significa che la torre può monitorare quando un segnale da quella antenna viene interrotto e passare rapidamente alle antenne di backup nel telefono, quindi senza interruzioni di segnale.

Certo, c’è ancora molto da fare per il 5G: i vettori devono costruire le reti, gli standard devono essere concordati e così via, ma uno dei grandi ostacoli, la tecnologia per mmWaves sembra essere stata superata.


Leggi anche ...

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.