Smart Vision EQ ForTwo elettrica e autonoma

By | gennaio 13, 2018

Il Gruppo Daimler ha finalmente presentato la sua visione del futuro delle vetture elettriche e autonome con la presentazione della Smart Vision EQ ForTwo. Accanto alle auto futuristiche che cercano di unire le nuove tecnologie elettriche e autonome senza rinunciare al piacere di guidare, c’è ancora spazio per immaginare veicoli progettati per il traffico nelle città di domani.




La Smart Vision EQ ForTwo concept del gruppo Daimler sta provando una piccola city car che combina la personalizzazione dell’abitacolo e alcuni elementi esterni con il car sharing per modalità di trasporto più efficienti.

Silenziosa grazie alla sua motorizzazione elettrica e autonoma, è più una bolla da trasporto da un punto all’altro di una città intelligente che di un veicolo vero e proprio.




Anticipando il successo del car sharing, che nel 2025 raggiungerà molti più utenti rispetto a oggi, Smart Vision EQ risponde a questa tendenza con un ampio spazio interno privo di elementi di guida classici (volante, pedali …).

Con la sua intelligenza artificiale integrata e comunicante, il veicolo andrà dall’utente, invece del contrario, con evidenti vantaggi in termini di ergonomia del servizio e l’interesse stesso del car sharing in quanto non sarà più necessario andare alla ricerca di un veicolo disponibile, che possono essere mobilitati in base alle esigenze, determinando una migliore gestione delle risorse.

E per facilitare il riconoscimento del veicolo condiviso, quest’ultimo mostrerà sulla su una griglia costituita da un display il nome dell’utente che l’ha prenotata. Lo schermo avrà anche una funzione di utilità, per esempio informazioni per quanto riguarda i pedoni.

Come concetto ForTwo, il veicolo sarà quindi in grado di accettare due passeggeri che saranno in grado di cambiare durante il viaggio e utilizzare l’ampio touchscreen da 24 pollici della console.

Il concetto di Smart Vision EQ avrà un motore elettrico con 30 KWh di batterie e sarà in grado di trovare automaticamente una stazione di ricarica quando non è in uso o servire come batteria aggiuntiva secondo le necessità.


Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.