Recensione Huawei P20: attraente, conveniente, la piacevole sorpresa di Huawei

By | maggio 8, 2018

Potente, robusto, ben rifinito e dotato di un bellissimo schermo 19: 9, il Huawei P20 non è lontano dall’essere il miglior smartphone del 2019, ad un prezzo inferiore rispetto alla concorrenza. Dopo il formato del Mate 10 Pro 18: 9, Huawei ha rilasciato il P20, dotato di uno schermo full HD + di 5,8 pollici nel formato 19: 9.




Recensione Huawei P20: attraente, conveniente, la piacevole sorpresa di Huawei

Dal Mate 10 Pro, il P20 prende il processore Kirin 970 con clock a 2,36 GHz, con 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna (non espandibile). Huawei P20 è dotato di un modulo con doppia fotocamera nella parte posteriore, sempre in collaborazione con Leica.

Il sensore da 12 megapixel (f / 1.8) è completato da un sensore monocromatico da 20 megapixel (f / 1.6). In Italia, il P20 è lanciato ad un prezzo di 679 euro.

Huawei P20 design e impronte digitali

Dopo aver abbandonato il metallo del P10 e P10 Plus, Huawei lo sostituisce con il vetro – beh quasi, dal momento che il retro del P20, offre più riflessi, è in realtà in policarbonato.




Lo smartphone non beneficia della funzione di caricamento per induzione.

L’effetto brillante seduce, ma questo design originale è parzialmente rovinato dall’accumulo di impronte digitali.

Un difetto riscontrato su diversi smartphone di fascia alta, iPhone X e Samsung Galaxy S9 inclusi. Sempre nella parte posteriore, il modulo a doppia telecamera viene ora posizionato verticalmente, a partire dall’angolo in alto a sinistra.

Huawei P20 – Fotocamere

Il design dello smartphone è in metallo argentato, leggermente arrotondato. Questa curvatura, che conferisce un effetto sandwich, consente una presa eccellente. I pulsanti per il controllo del volume sono posizionate all’altezza giusta sul lato destro. Sotto, troviamo il pulsante di accensione, contrassegnato da una linea arancione. Il dettaglio è discreto, ma apporta un tocco di eleganza gradita. Questo Huawei P20 è un chiaro successo estetico.

Huawei P20 – Pulsanti

Per finire, Huawei riesce a integrare un pulsante fisico nella parte inferiore dello smartphone. Questo pulsante serve per fare due cose. Il primo è il riconoscimento delle impronte digitali. Ad oggi, Huawei è probabilmente il produttore che controlla meglio questa tecnologia, si sbloccano in un decimo di secondo.

Il secondo è la navigazione “intelligente”. L’anno scorso, siamo stati sedotti dal sistema di navigazione di Huawei P10, il pulsante serve per tornare indietro e multitasking. Il suo successore prende questo sistema: una breve pressione per tornare indietro, una lunga pressione per tornare alla schermata principale, uno “scorrimento” per visualizzare lo schermo multitasking.

Nel frattempo, Apple è riuscita a uscire completamente dal pulsante principale, con gesti almeno altrettanto intuitivi. Tuttavia, questo Huawei P20 è uno degli smartphone più divertenti da utilizzare nel mondo Android. O nel mondo degli smartphone a meno di 1100 euro.

Huawei P20 – Pulsante Home

Recensione Huawei P20 – Software

Con ol Mate 10 Pro, Huawei è stato uno dei primi produttori a rilasciare uno smartphone con Android Oreo. Non siamo sorpresi nel vedere che questo P20, funziona con Android 8.1, con un overlay EMUI 8.1 senza molte novità.

L’utente può in particolare optare per un’interfaccia con o senza un cassetto delle applicazioni. La prima opzione è tanto più allettante in quanto il numero di applicazioni preinstallate è ancora importante e ancora fastidioso.

Tra le delusioni, evidenziamo la mancanza del Bluetooth 5.0, ancora supportato dalla maggior parte degli smartphone di fascia alta. Questo non sarebbe stato un vero handicap se Huawei non avesse deciso di rimuovere il jack.

D’altra parte, sottolineiamo l’ottima idea del produttore, che consente all’utente di nascondere il notch presente nella parte superiore dello schermo, inquadrandolo con una banda nera. (Tacca)

Di fronte alla riluttanza di alcuni utenti, il trucco è vantaggioso.

La scelta di una tacca nascosta non causa una perdita di spazio, poiché i dati nella parte superiore dello schermo (tempo, rete, ecc.) rimangono visualizzati nello stesso punto, come se lo smartphone fosse dotato di un secondo schermo.

Huawei P20 – Software

Huawei P20 – Display

Sempre nelle impostazioni, è possibile cambiare il colore dello schermo, optando per toni più o meno naturali. Consigliamo vivamente di farci un giro, per passare ai colori “normali”. La fedeltà dei colori è quindi molto migliore, con un delta E che scende a 2.28.

Se possiamo rimpiangere che Huawei riserva lo schermo OLED P20 Pro (899 euro), siamo confortati da uno schermo LCD molto ben contrastato (2273: 1) e molto luminoso (682 cd / m²), protetto da Gorilla Galss5.

Come ottimi sostenitori della definizione Full HD (che non sacrifica nulla della qualità dell’immagine pur consentendo al cellulare di consumare meno energia), apprezziamo la scelta della definizione Full HD + (2244 x 1080), una risoluzione di 429 dpi.

Huawei P20 – Prestazioni

A differenza del Samsung Galaxy S9 con Exynos 9810, il Kirin 970 è un chip che conosciamo già, almeno su Mate 10 Pro, per le sue prestazioni. Durante il nostro test, abbiamo notato progressi reali rispetto al Kirin 960, con una maggiore fluidità dell’interfaccia software. L’osservazione rimane la stessa.

Huawei P20 è estremamente reattivo e non ha subito rallentamenti significativi.

Kirin 970 ti consente di godere di qualsiasi gioco, spingendo al massimo il livello dei dettagli grafici. Le sue performance, tuttavia, rimangono più vicine a quelle di Snapdragon 835 che lo Snapdragon 845 di Qualcomm, l’Exynos 9810 di Samsung, o l’A11 Bionic Apple, come dimostrano i risultati dei benchmark.

Nel breve periodo, la differenza non è significativa. Nel lungo periodo, questo processore è leggermente meno potente di quelli della concorrenza.

Huawei P20 si distingue per un’eccellente autonomia

Durante il nostro versatile test di durata della batteria, lo smartphone si è spento dopo 12:44 minuti. È migliore di tutti i suoi attuali concorrenti. Lo smartphone non è mai sceso al di sotto del 30%, anche dopo una giornata intensa. La batteria di 3400 mAh viene quindi utilizzata in modo efficiente.

Huawei P20 – Fotocamere

Per scoprire le innovazioni di Huawei nel campo della fotografia, dobbiamo rivolgerci al P20 Pro, dotato di un modulo fotocamera tripla. Il P20 beneficia del modulo dual camera (RGB + monocromatico), ormai abituale nel marchio.

La configurazione è molto simile a quella del Mate 10 Pro, con un sensore RGB 12 Mpix apertura di f / 1,8 e un sensore monocromatico 20 Mpix apertura di f / 1.6.

Il produttore asiatico continua la sua progressione, con colori più realistici rispetto al Mate 10 Pro, con un contrasto leggermente inferiore e un eccellente livello di dettaglio. Abbiamo anche apprezzato la qualità dell’autofocus, ora quasi veloce come quello del Samsung Galaxy S9.

In condizioni di scarsa visibilità, il divario con il sudcoreano si fa sentire di più. Le foto del P20 sono molto lisce, probabilmente per evitare un eccesso di rumore digitale. In condizioni di luce molto scarsa, i colori sono desaturati, con un risultato molto meno dettagliato rispetto al Galaxy S9. La qualità video è buona, grazie all’eccellente stabilizzazione.

Huawei P20 – Foto

Nella foto, il P20 non raggiunge ancora le prestazioni del Samsung Galaxy S9 e HTC U11 +, i due migliori studenti. Si avvicina alla qualità dell’immagine di un iPhone X, con il vantaggio di un sensore monocromatico in grado di realizzare bellissime foto in bianco e nero.

Conclusione

All’ombra di un Huawei P20 Pro notato per il suo modulo con tripla fotocamera, il Huawei P20 accumula le qualità, con un bellissimo schermo 19: 9, bellissime finiture, eccellente durata della batteria e qualità fotografica.

Abbiamo particolarmente apprezzato l’integrazione di un pulsante fisico, che consente una navigazione davvero confortevole. Con 649 euro, Huawei P20 è più conveniente rispetto ai suoi concorrenti, pur essendo molto attraente.

Sei d’accordo con il nostro punto di vista? Ti piace?


Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.