QLED vs. OLED vs. MicroLED, qual è la migliore tecnologia?

By | Nov 17, 2018
QLED vs. OLED vs. MicroLED, qual è la migliore tecnologia?

Quali sono le differenze tra QLED vs. OLED vs. MicroLED? Lo schermo LCD è morto da tempo e il LED sta vivendo i suoi ultimi giorni di gloria. La guerra per le TV è molto combattuta tra queste tre nuove tecnologie: OLED, QLED e MicroLED e dedichiamo questo speciale proprio a loro. Quale vale la pena acquistare? Ha senso acquistare un TV LED a questo punto? Quale tecnologia sarà lo standard nel giro di pochi anni?





Anche se ci sono molti produttori di televisori, quando parliamo di aziende che veramente producono una TV – come lo schermo e il processore – la lista si riduce notevolmente. Oggi possiamo dividere il mercato in tre tendenze:

  • QLED, con la scommessa di Samsung e della sua tecnologia a LED Quantum Dot.
  • OLED, con LG e Sony come principali sostenitori.
  • MicroLED, la futura proposta di Samsung e alla quale potrebbero partecipare altri giganti come Sony (sotto il nome di Crystal LED).

Per molti anni, la tecnologia che stava alla base di uno schermo è stata simile: uno strato di cristalli dotati di illuminazione esterna (prima dietro, poi sui bordi e negli ultimi modelli quasi a livello di pixel) per costruire l’immagine.

Con l’arrivo di OLED, ogni pixel può illuminarsi diventando un contrasto brutale, un nero praticamente puro e possibilità di personalizzare il design (schermi molto sottili, curve, ecc.) Una tecnologia irraggiungibile solo fino a poco tempo fa. Poiché non richiedono una fonte di illuminazione esterna, il design può essere molto più sottile e consumano anche meno energia.




A questo punto, vale la pena di chiarire che QLED non è altro che un’evoluzione del sistema LED che abbiamo avuto fino ad ora (e un’idea degli uffici di marketing per renderlo ancora più complicato per i consumatori). La sua fondamentale differenza rispetto ai LED “normali” è che ciascun pixel può essere attivato individualmente, offrendo vantaggi superiori allo standard ma non raggiungendo l’OLED.

QLED vs. OLED vs. MicroLED

QLED vs. OLED vs. MicroLED

Il nostro terzo protagonista, il MICROLED, è arrivato da poco sulla scena, e rappresenta la vera sfida per il futuro: la rivoluzione base di questa tecnologia è ridurre le dimensioni dei pixel fino a 100 volte rispetto ad un LED tradizionale (già ci sono schermi con pixel da 0,15 mm), moltiplicando il numero di essi e riducendo la distanza tra loro.

Così, una TV MICROLED può offrire il meglio dei due mondi: pixel di dimensione minima che può essere controllato a piacimento, possibilità di un nero puro, molto più luminoso di un OLED, ampio angolo di visuale e nessun problema di degrado nel medio e lungo termine.

Uno schermo MicroLED è costituito da piccoli moduli indipendenti, permette ai produttori di creare televisori di qualsiasi dimensione e forma; è necessario un solo controller che indichi quali pixel devono essere attivati ​​in ogni momento, ma le possibilità sono quasi infinite.

Sicuramente più di un lettore si chiede come sia possibile che non ci sia ancora una TV a MicroLED sul mercato. Le ragioni sono diverse, ma le sfide più importanti per il settore sono due: gli schermi sono estremamente costosi da produrre e generano molto calore, che è necessario dissipare in modo efficiente e senza rumore.

Vedremo i primi televisori MicroLED nel 2019? Anche se Samsung ha già mostrato The Wall (un televisore da 146 pollici) dal mio punto di vista ci vogliono almeno altri due anni per vederne uno in salotto.

Come accennato, oltre al prezzo, è difficile installare una soluzione di raffreddamento in televisori piccoli e sottili, problema che non c’è in un televisore più grande o che è destinato a visualizzare informazioni commerciali. Queste saranno le prime destinazioni dei TV MicroLED.

Quindi quale televisore dovrei comprare?

Come sempre, la decisione dipende dal budget che abbiamo a disposizione e dall’uso che ne dobbiamo fare della televisione. Per guardare la televisione convenzionale non ha senso investire in quest’ultima, ma se sei appassionato di film e serie di alta qualità o hai un gruppo di amici con cui vuoi giocare con il massimo dei dettagli, le differenze tra una tecnologia e l’altra sono importanti.

Se il tuo budget è inferiore a 1.500 euro, la mia raccomandazione è di optare per una TV LED o QLED di ultima generazione. In questa fascia di prezzo, l’HDR non dovrebbe essere una variabile fondamentale, ma se lo ha molto meglio. Per quanto riguarda il 4K, sarà difficile trovare un modello di oltre 50 pollici che sia solo 1080 quindi non c’è dubbio.

È possibile trovare qualche offerta OLED intorno a questo prezzo ma, a mio parere, è molto meglio investire nei migliori LED o QLED che potete permettervi invece di un OLED di fascia bassa. Dal mio punto di vista, il Samsung QE55Q6FN o il Sony KD-55XF9005 sono due opzioni molto interessanti.

Sopra 1.500 euro non ci sono molti dubbi: OLED è il presente e non ha rivali sia in fascia media che in quella alta in termini di qualità dell’immagine. I miei due consigli qui sono il Sony KD55A1BAE P e l’LG 55 “55E7N, ma l’offerta è molto ampia.


Leggi anche ...

Author: Morgana Presi

Mi chiamo Morgana e non sono una fata. Scrivo di tanto in tanto per Guidesmartphone.net articoli che parlano di tecnologia. Mi piace scrivere di smartphone. Nella vita studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.