Il mio telefono è stato rubato: cosa devo fare?

By | dicembre 20, 2017

Ti mostriamo come agire se il tuo cellulare è stato rubato. Abbiamo menzionato alcune applicazioni e strumenti che possono essere utili in questa situazione. Sebbene sia una situazione in cui nessuno di noi si vuole trovare, a volte non possiamo evitarlo, o perdiamo il telefono o peggio c’è lo rubano. Fortunatamente, in un mondo così connesso oggi ci sono strumenti che ci aiuteranno a cercare di recuperare il nostro telefono o, almeno, a fare in modo che le nostre informazioni non cadano nelle mani di persone sbagliate.




Prevenire è meglio che curare

Come in tutto, la prevenzione è fondamentale in questo caso. Il primo passo che dobbiamo fare per proteggere i nostri dati è configurare il modello per lo sblocco del telefono.

Il blocco dello schermo è uno degli strumenti più utili disponibili su Android per impedire l’accesso alle informazioni sul nostro dispositivo a persone che non sono autorizzate a farlo.

Il percorso che dobbiamo seguire per configurarlo è diverso da dispositivo a dispositivo, ma di solito si trova in Impostazioni> Sicurezza> Display> Blocco schermo.




Dobbiamo prestare particolare attenzione a non usare un blocco schermo facile da eludere, proprio come non useremmo la password della nostra email “1234” o “password”, ci sono schemi molto prevedibili e facili da scoprire.

Così facendo, questo tipo di blocco dello schermo non è infallibile e se il ladro o la persona che ha preso il nostro cellulare ha una certa conoscenza del pianeta mobile, può essere eluso.

Il mio telefono è stato rubato: cosa devo fare?

D’altra parte, sebbene il fatto di avere un blocco del telefono attivato è interessante, dal momento che può rendere le cose difficili per il ladro, la verità è che dopo una rapina la prima cosa che dobbiamo fare è riferire all’autorità competente.

Per questo dovremo contattare la polizia e dare loro una descrizione del nostro dispositivo, riportare il modo in cui è stato rubato e fornire loro l’IMEI. Questo ultimo passaggio è cruciale in quanto la polizia può rintracciare il nostro telefono se forniamo il numero IMEI.

Un’altra procedura raccomandabile è chiamare la nostra compagnia telefonica per bloccare l’IMEI.

Questa procedura trasformerà il nostro telefono in un mattoncino abbastanza costoso.

Il blocco dell’IMEI non è infallibile, ma se il ladro riesce a evitare questo blocco, commetterebbe un reato, che potrebbe causargli più problemi nel caso in cui la polizia dovesse trovarlo.

Per ottenere il numero IMEI di cui abbiamo parlato, dovremo accendere il dialer del nostro telefono e scrivere *#06#.

Una volta scritto, verrà premuto il pulsante di chiamata e il numero IMEI apparirà in un messaggio.

Questo numero è di vitale importanza poiché ci servirà sia per la denuncia che per il blocco tramite IMEI che l’operatore mette a nostra disposizione.

Come scoprire quando qualcuno sta mentendo tramite un messaggio di testo

Applicazioni e utilità interessanti

Ci sono alcune applicazioni che ci permetteranno di sapere con certezza che i nostri dati non finiranno nelle mani sbagliate. Sebbene questi strumenti non servano a chiudere i tuoi account da remoto, serviranno a rimuovere i tuoi dati dal telefono e persino a formattarli, il che potrebbe essere utile.

Come bloccare numero di telefono su Android

Gestione dispositivi Android, lo strumento di Google

Google lo sa che possiamo perdere il nostro telefono cellulare, una delle nostre principali preoccupazioni è che i nostri dati non cadano nelle mani sbagliate.

Gestione dispositivi Android è uno strumento fornito da Google per gestire i nostri dispositivi Android.

Questo strumento ci permetterà di localizzare il nostro dispositivo su una mappa, farlo sembrare (ideale per cercarlo … o per infastidire l’usurpatore al mattino), bloccare il terminale e resettare la sua password  e persino cancellare i dati dal nostro dispositivo da remoto.

Per attivare o disattivare questa funzione dovremo andare su Impostazioni> Sicurezza> Amministratori dispositivo e una volta lì selezionare la casella dell’utilità.

Come fare il root su uno smartphone Android

Cerberus

Un’altra applicazione di cui vi abbiamo già parlato in più di un’occasione e che può essere molto utile di fronte a una perdita o un furto è Cerberus.

Questa applicazione ci permetterà di eseguire un gran numero di azioni con le quali possiamo provare a localizzare il nostro telefono, sapere chi ha rubato il telefono, far squillare il telefono o inviare un messaggio per cercare di risvegliare il lato buono del nostro usurpatore.

Questa applicazione, una volta installata sul nostro Android, non servirà molto nel terminale.

La vera grazia di questa applicazione risiede nel suo sito web, attraverso il quale possiamo fare quasi tutto.

Alcune funzionalità che Cerberus ci consente di fare dal suo sito Web sono:

  • Individua e traccia il nostro dispositivo
  • Avvia un allarme anche se il dispositivo è in modalità silenziosa
  • Cancella i dati del dispositivo
  • Registra audio dal microfono
  • Trova il telefono del ladro (purché tu abbia inserito la tua SIM nel terminale)

Inoltre, Cerberus presenta una serie di funzionalità di root che lo rendono quasi un’applicazione essenziale.

Grazie al root possiamo installare Cerberus come applicazione di sistema.

L’unico inconveniente è che Cerberus è a pagamento e per poter usufruire di tutti i suoi servizi per un tempo illimitato dobbiamo pagare 4,99 €.

Un prezzo che, nel caso ne abbiamo bisogno, sarà ben pagato.

Che cosa sono le Gapps e come installarle?

Non tutto è perduto

Vale la pena ricordare che è possibile che il nostro terminale non sia stato rubato e che possa essere caduto dalla nostra tasca.

È sempre bene fare una telefonata prima di procedere con misure più serie, dal momento che a volte (anche se sembra pazzesco) il nostro telefono può essere trovato da persone oneste che sono disposte a restituircelo.

C’è qualche altro metodo che ci puoi consigliare in questa situazione? Non esitare a lasciarlo nei commenti, poiché può essere di grande aiuto per molti altri lettori.

Perdo la garanzia se faccio il root su Android?


Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.