Le foto della Nuova Vecchia Alfa Romeo Giulia

Le foto della Nuova Vecchia Alfa Romeo Giulia, il 24 Giugno, proprio nel 105.esimo anniversario della fondazione dell’Anonima Lombarda Fabbrica Automobili (A.L.F.A.) sarà svelata la nuova Giulia (il nome è ancora non uffcialie) destinata a riportare il marchio Alfa Romeo nei piani alti delle classifiche mondiali, allora si scoprirà che oltre al nome sono tante le “vicende” che accomunano i due modelli: quello nuovo e quello mitico nato nel 1962.

Link sponsorizzati



La produzione della vettura, che sarà assemblata a Cassino, segna il primo passo verso il rilancio del brand per il quale è previsto un investimento di 5 miliardi e il lancio di altri 7 modelli entro il 2018. La nuova Giulia riceverà un’importante eredità dal modello precedente. Nata nel 1962 per sostituire la Giulietta, la prima Giulia fu prodotta fino al 1977 in circa un milione di esemplari diventando un’icona del periodo, immortalata in decine di famosi film. Per le sue brillanti qualità tecniche, un motore potente e un’ottima tenuta di strada, fu per molti anni l’auto in dotazione a Carabinieri e Polizia.

Alfa-Romeo-Giulia-del-1962-ke6D--352x288@Motori24

Alla fine qualcuno ha osato violare l’embargo e ha diffuso una prima, sfocata immagine della nuova Alfa Romeo Giulia. L’attesa per il nuovo modello che sarà svelato domani pomeriggio ad Arese è altissima, anche perché il suo aspetto non è stato anticipato da nessuna concept car e finora nessuna “foto spia” era stata scattata dai paparazzi d’auto, se non del muletto con carrozzeria Maserati. La foto pubblicata da Carscoops.com e da Automoto.it sarebbe stata inviata da un anonimo lettore, “L.”, e ha tutta l’aria di essere autentica. Il piccolo spoiler, il doppio scarico e i cerchi bruniti suggeriscono che quella ritratta sia una versione “cattiva” del nuovo modello, che avrà trazione posteriore e motore longitudinale.

Link sponsorizzati


Alfa-Romeo-Giulia-foto-scoop

Evidente che ci troviamo di fronte ad una strategia precisa – probabilmente raggiunta con minacce tipo “crocifissione in sala  mensa” – messa in piedi con studiata precisione. Perfino il nome è stato lasciato nel dubbio: è stato lo stesso Marchionne a spiegare con furbizia pochi giorni fa “Non so ancora se il nome sarà questo, tutto è ancora da decidere”.
L’effetto sorpresa  è stato raggiunto. Ed è davvero un bel modo di partire per una “vettura” (ha visto mai che poi davvero non si chiami Giulia…), che è il primo tassello del rilancio del brand Alfa Romeo per il quale è previsto un investimento di 5 miliardi e il lancio di altri 7 modelli entro il 2018.

alfa_romeo_giulia_2015_photo_21.jpg.pagespeed.ce.yTOyxO4GUN

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*