Qual’è meglio iOS 12 vs. Android Pie

By | settembre 14, 2018
Qual'è meglio iOS 12 vs. Android Pie

iOS 12 è finalmente ufficiale, dopo un sacco di versioni beta. Android 9 Pie è uscito da più di un mese, anch’esso dopo diverse beta. Ovviamente stiamo parlando di universi diversi, ma entrambi i sistemi sembrano aver intrapreso la stessa strada.




Apple iPhone Xr l’economico

iOS 12 vs. Android Pie – Notifiche

In tema di notifiche, Android vince con tranquillità, non abbiamo nemmeno bisogno di fare riferimento ad Android Pie. Per più di un anno Google ha consentito di raggruppare le notifiche, le azioni eseguite direttamente su ciascuna di esse e offre controlli di accesso immediati per disattivare ciò che non ti piace.

Con iOS 12 abbiamo finalmente visto che Apple ha deciso di raggruppare le migliaia di notifiche ricevute ogni giorno e incluso un modo per disattivare o disattivare le notifiche, anche dalla schermata di blocco. Tuttavia, Android Pie consente migliori azioni e offre maggiori possibilità di disabilitare solo alcuni tipi di notifiche di app.

iOS 12 vs. Android Pie – Navigazione

Per coloro che dicono che nulla è cambiato nell’ultima versione Android, la navigazione è stata una delle più modificate, generando confronti con l’iPhone, in particolare con il modello X, che ha un altro tipo di navigazione.




Con la funzione “Fai scorrere la pagina verso l’alto”, puoi passare ai tre pulsanti Android tradizionali con un piccolo trattino nella parte inferiore dello schermo. Trascinandolo leggermente si attiva il multitasking mentre un trascinamento più lungo conduce al menù dell’app.

iOS 12 vs. Android Pie – Multitasking

Uno dei cambiamenti più criticati di Android Pie è il multitasking. Difficile difendere Google qui, anche se è difficile dire quale azienda abbia pensato prima a questa soluzione: tra la creazione e il lancio di qualcosa, possono volerci anni.

Il fatto è che gli utenti Android sono stati abituati a far scorrere le applicazioni aperte in verticale e si muovono in tal senso orizzontale (portando nuove caratteristiche che non esistono in iOS, compreso) sarà prima criticato, poi diventerà normale.

iOS 12 vs. Android Pie – Pulsante Home

Sebbene l’iPhone 8 abbia ancora il pulsante fisico sotto lo schermo, accanto al suo sensore biometrico, il fiore all’occhiello di Apple è l’iPhone X, che ha inserito il sensore digitale per ottenere solo il riconoscimento facciale.

Gli attuali Pixel, gli smartphone che costituiscono il portfolio di Google, fanno ancora affidamento sul sensore biometrico (nella parte posteriore), ma è possibile che anche la terza generazione porti il ​​riconoscimento facciale. Anche Android ha già avuto il riconoscimento facciale per anni, ma la sicurezza è così precaria che pochi hanno osato parlare di questa funzionalità. Subito dopo l’iPhone X ha utilizzato questa funzionalità un po’ più seriamente.

Samsung investe nel suo lettore di iris, Vivo inserisce il sensore biometrico sotto lo schermo. Queste sono soluzioni non sfruttate da Apple, ma è un dato di fatto che diversi produttori partner di Google, come Xiaomi e OnePlus, hanno già i loro sistemi di riconoscimento facciale più complessi.

iOS 12 vs. Android Pie – Animojis

Non riesco a vedere come questo possa essere davvero importante per il mondo mobile nel suo insieme, ma è un fatto che i produttori stanno lottando per il rilascio di questa simpatica funzionalità, le loro emoji animate con il loro viso, un uso extra per i costosi e accurati sensori del viso che abbiamo sugli smartphone adesso.

Poco dopo le Animojis lanciati da Apple, Samsung ha rilasciato il Galaxy S9 con i suoi AR Mojis, proprio come ASUS ha lanciato Zennymojis. Già quell’anno, nell’ultimo WWDC, Apple ha introdotto la versione beta di iOS 12 e con essa i Memojis, dove è possibile trasformare il proprio viso.

iOS 12 vs. Android Pie – Quando tempo utilizzi lo smartphone?

“Per coincidenza,” sia Apple che Google hanno deciso nel 2018 che stai usando troppo il tuo smartphone e che devi essere controllato. Da loro? No, loro lo fanno per te, per non farti passare molto tempo sugli smartphone.

In ogni caso, Big G ha mostrato al Google I / O 2018 che il sistema operativo è dotato di un’app che aiuta a controllare quanto tempo perdi sul tuo smartphone e puoi anche installare l’app sul dispositivo dei tuoi figli per fare lo stesso. Sarà possibile razionare l’utilizzo delle app con l’App Timer (ancora in fase beta su Android Pie).

Conclusione

Ognuno ha preso la sua strada, e penso che preferirai Apple. Google ha introdotto con Oreo la versione Go del suo sistema, più leggero e ottimizzato per funzionare bene su dispositivi con un massimo di 1 GB di RAM. Questo progetto continua su Android Pie.

Apple dal canto suo ha esteso l’aggiornamento del sistema operativo di iPhone 5S, un dispositivo del 2013. Questa generazione probabilmente non riceverà nuovi aggiornamenti, ma è un’indicazione che l’azienda aggiorna i suoi dispositivi per cinque anni, qualcosa non ancora raggiunto da Android.

Tuttavia, non possiamo dimenticare Project Treble, anch’esso inserito da Google, semplifica l’aggiornamento del sistema sia per lui che per i produttori.

In breve, entrambi i sistemi cercano un tipo di intelligenza che intenda anticipare o preoccuparsi per l’utente, ognuno a suo modo.

Apple è meno conservativo con iOS 12, mentre Android Pie sembra essere la versione più elegante di Android fino ad oggi.

Naturalmente, molte persone non conosceranno il nuovo sistema operativo di Google per i prossimi sei mesi, cosa diversa per gli utenti iPhone, perché nel giro di sei mesi i loro dispositivi saranno tutti aggiornati.

Allora quale scegli? Quale ti è piaciuto di più?

Apple iPhone Xs e iPhone Xs Max: i nuovi iPhone svelati


Leggi anche ...

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.