I ricercatori hanno dimostrato come una Tesla Model S può essere rubata

By | settembre 13, 2018
I ricercatori hanno dimostrato come una Tesla Model S può essere rubata

I ricercatori hanno dimostrato come un Tesla Model S Tesla Model S può essere rubata in pochi secondi con solo 600€ di materiale. La tecnologia dei veicoli autonomi si sta evolvendo fornendo auto senza conducente con sistemi elettronici e informatici molto più avanzati.




Tuttavia, questi sistemi non sono immuni da molteplici vulnerabilità che possono danneggiare la sicurezza dei passeggeri o permettere a persone malintenzionate di rubare queste auto.

Come promemoria, nel 2016 , i ricercatori di Keen Security Lab, dopo diversi mesi di ricerca, hanno scoperto diverse vulnerabilità della sicurezza e implementato con successo il controllo remoto di tutte le funzioni, compreso il sistema di frenatura Tesla Modello S in modalità parcheggio e guida.

Nel 2017, un altro team di ricercatori dell’università KU Leuven in Belgio ha dimostrato che gli hacker potevano segretamente clonare il portachiavi di una Tesla Model S e rubare l’auto in pochi secondi, con solo 600 euro di attrezzatura tecnica.




I ricercatori hanno dimostrato come una Tesla Model S può essere rubata

I ricercatori riportano che un hacker potrebbe clonare il segnale di sblocco e usare questo segnale clonato per sbloccare il veicolo e avviare il motore senza che ne sia a conoscenza il proprietario.

Secondo i ricercatori, la clonazione del segnale ha richiesto solo pochi secondi, quindi il pirata poteva disporre della macchina e sparire senza lasciare traccia.

I ricercatori hanno detto che avevano bisogno di solo 600€ di computer e apparecchiature radio: un computer Raspberry Pi, una radio Yard Stick One, una radio Proxima, un disco rigido esterno e batterie.

Questo hardware e pochi secondi sono stati sufficienti per i ricercatori per clonare il portachiavi e permettere di rubare una Tesla Model S.

Secondo il rapporto, per contrastare la crittografia utilizzata nel portachiavi wireless Tesla Model S, i ricercatori hanno utilizzato un metodo di calcolo che ha scoperto il segnale della chiave crittografica.

La procedura consisteva in alcuni passaggi dopo la creazione di un database di tutte le potenziali chiavi, per un totale di sei terabyte di chiavi pre-calcolate contenute in una tabella e salvate sul disco rigido.

[irp]

Secondo il rapporto, il primo passo era copiare il segnale di blocco che emette continuamente la Tesla Model S per hackerare. Usando la radio e il segnale precedentemente copiato dal sistema di chiusura della macchina in questione, il pirata ha bisogno di operare a circa tre piedi dal portachiavi della vittima ingannandolo con due codici di risposta, che sono in linea di principio destinati alla macchina.

L’hacker esegue quindi i segnali ricevuti dal portachiavi sul database delle chiavi precalcolato memorizzato sul disco rigido per determinare in pochi secondi la chiave digitale dell’auto. Una volta determinata la chiave digitale dell’auto, il pirata può disporre dell’auto senza che il proprietario se ne accorga. L’hacker può persino clonare il portachiavi dalla chiave digitale e crearne uno, permettendogli di usare l’auto come proprietario.

I ricercatori hanno rivelato la violazione della sicurezza a Tesla la scorsa estate e hanno ricevuto una ricompensa di € 10.000 dalla società. Tesla ha reagito in agosto introducendo sul suo modello S due livelli di autenticazione. L’azienda ha pianificato un codice PIN utilizzabile all’interno dell’auto in un aggiornamento e ha sviluppato sulla base della relazione dei ricercatori un nuovo portachiavi con ulteriore sicurezza.

I clienti, per essere protetti da un possibile sfruttamento della vulnerabilità scoperto dai ricercatori della KU Leuven University, devono aggiornare il loro veicolo ed entrare in possesso del nuovo portachiavi. Altrimenti, saranno sempre esposti agli attacchi.

Fonte: Business Insider 


Leggi anche ...

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.