Come disinstallare app native dal tuo Android

Quando acquisti uno smartphone, acquisti insieme ad esso un numero di applicazioni che forse non utilizzerai mai. Uno dei consigli più diffusi quando si parla di sbarazzarsi delle applicazioni native Android, chiamato anche bloatware, è quello di fare il root al dispositivo. In questo tutorial imparerete come rimuovere queste applicazioni con e senza accesso root sul proprio dispositivo. Come disinstallare app native dal tuo Android?

Link sponsorizzati



Disinstallazione delle app Android native senza root

Per rimuovere il bloatware dal tuo dispositivo Android senza bisogno di root, useremo l’applicazione Debloater per Windows. Segui la seguente procedura:

  • Scarica e installa Debloater sul tuo computer;
  • Collega il tuo dispositivo tramite cavo USB;
  • Attiva la funzione USB Debug sul dispositivo. Per farlo, vai alle Impostazioni> Opzioni sviluppatore> Debug> Debug USB. 

Se la funzione “Opzioni sviluppatore” non è abilitata, vai su Impostazioni> Telefono> cerca “Numero build”> tocca ripetutamente su di essa fino a quando non viene visualizzato un avviso che ti dice che ora sei uno sviluppatore.

  • Con la modalità debug USB abilitata, apri Debloater sul tuo computer;
  • Carica le informazioni;
  • Fai clic su Read device packages;
  • Seleziona e rivedi le applicazioni che vuoi rimuovere;
  • Fai clic su Applica.

Prestate molta attenzione alle applicazioni che volete disinstallare, in quanto molte di esse potrebbero avere nomi che non sono facilmente riconoscibili e alcune di esse potrebbero interessare altre applicazioni.

Link sponsorizzati



Backup

Se hai cancellato alcune applicazioni che non volevi rimuovere, non ti disperare. Debloater non elimina in modo permanente nulla, semplicemente blocca il processo, che si interrompe in esecuzione sul dispositivo. Se hai fatto un errore, basta sbloccare tutto facendo clic su UnBlock All Packages  e tutti i programmi nativi verranno ripristinati.

Disinstallazione delle app Android native con root

Bisogna avere i privilegi di amministratore sul vostro dispositivo, in poche parole dovete avere i permessi di root, poi scarica e installa l’applicazione Titanium Backup ★ root!

Rimozione di app native da Android

Se hai soddisfatto tutti i prerequisiti, mettiti al lavoro! Ma prima, ti consiglio un backup dei dati del dispositivo, perché se disinstallato un’applicazione per errore, puoi recuperarla tramite backup. In caso contrario, sarà necessario reinstallare la ROM originale del dispositivo.

Quando si apre il programma Titanium Backup Root per la prima volta, è necessario consentire l’accesso come superutente facendo clic sull’opzione Consenti. Verrai quindi indirizzato alla prima schermata dell’app con tre schede: Panoramica , Backup/Ripristino e Pianificazioni, selezionare l’opzione Backup/Ripristino:

Ora tutte le applicazioni installate sul tuo smartphone appariranno nella lista e tutto quello che devi fare è trovare il programma che vuoi disinstallare e cliccarci sopra. Il programma mostrerà i dettagli dell’App e ti mostrerà le seguenti opzioni Backup, Blocca e Disinstalla.  Scegli il pulsante Disinstalla e l’applicazione non farà più parte del software sul tuo dispositivo:

Se hai dubbi sulla rimozione completa dell’applicazione, Titanium Backup root offre anche la possibilità di disattivare l’app semplicemente facendo clic sul pulsante Freeze.

Come puoi capire, la rimozione di applicazioni native dal sistema non è un processo difficile da fare, ma richiede l’accesso come amministratore del dispositivo, che può farti perdere la garanzia sul tuo smartphone. Questo processo è consigliato soprattutto per i dispositivi con problemi di memoria interna.

Come accennato in precedenza, gli smartphone Android sono dotati di applicazioni completamente inutili, che in molti casi peggiorano persino le prestazioni del dispositivo. Ora che hai imparato come fare non avrai più un consumo eccessivo della batteria, un uso stratosferico del piano dati, funzioni inutili o servizi obsoleti.

Allora, come è andata è stato facile?

Approfondimenti

Leave a Reply