Come eseguire il root su Android: la guida completa

By | settembre 18, 2018
Come eseguire il root su Android: la guida completa

In questo articolo, ti forniremo una panoramica su come eseguire il root dei dispositivi Android, gli strumenti necessari e le difficoltà che incontrerai che sono esclusive per i dispositivi di ciascun produttore. I processi utilizzati per il root dei singoli dispositivi variano notevolmente e cambiano rapidamente, quindi mentre non ti forniremo le istruzioni dettagliate per ogni dispositivo, ti indicheremo il posto giusto dove trovarle. Iniziamo con il tuo viaggio di rooting!




Prima di parlare su come eseguire il root, è importante chiedere se è necessario eseguire il root del dispositivo Android. Questa è una domanda alla quale solo tu puoi rispondere, ma abbiamo un comodo articolo per aiutarti a capire meglio il rooting e i suoi pro e contro.

È inoltre importante eseguire il backup di tutto prima di eseguire il root e capire che potresti perdere la garanzia del tuo telefono. Con questo disclaimer fuori mano, ecco alcune regole e linee guida generali per il rooting dei tuoi dispositivi Android.

Root non Root questo è il problema

Preparazione per il root del tuo smartphone

Non esiste un singolo processo per il rooting che funzioni su tutte le migliaia di dispositivi Android disponibili. Il processo dipende molto dal produttore e anche in questo caso varia ancora da dispositivo a dispositivo. Ciò rende praticamente impossibile dare istruzioni precise e dettagliate per ogni smartphone in circolazione.




Detto questo, XDA Developers ha a disposizione le istruzioni con un elenco abbastanza completo di dispositivi. Prima, ti consigliamo di familiarizzare con il modo in cui il rooting funziona in generale prima di saltare nel nocciolo della questione. Anche sul nostro sito trovi tante guide per il root di un dispositivo Android basta andare qui!

Che cos’è il root? Vantaggi e svantaggi

Il rooting prevede generalmente tre passaggi:

  1. Sblocco del bootloader
  2. Installare una nuova recovery
  3. Installare un file che ti darà accesso root al tuo dispositivo

Il bootloader è il primo software che si avvia sullo smartphone all’accensione ed è responsabile dell’avvio del sistema operativo e del ripristino del sistema. Per scoprire come sbloccare il bootloader del tuo dispositivo, esegui una rapida ricerca su Google e scoprirai che c’è un modo per farlo senza troppi problemi per gli smartphone più diffusi.

Oppure vai alla nostra sezione, come sbloccare il bootloader Android!

Dopo aver sbloccato il bootloader, sarà necessario installare una nuova recovery personalizzata per sostituire il vecchio ripristino del sistema con, ad esempio, TWRP.

Per sostituirlo, è necessario familiarizzare con i comandi ADB e Fastboot.

La recovery personalizzata serve per l’installazione o il flashing del software personalizzato sul tuo smartphone. Qui trovi una sezione dedicate all’installazione della recovery TWRP sul tuo dispositivo Android.

Utilizzando un recupero personalizzato, potrai quindi eseguire il flashing di un file SuperSU o Magisk, che ti garantirà l’accesso come utente root, tra le altre funzionalità come l’esecuzione di comandi e l’esecuzione di backup. Una volta che il telefono è stato rootato, inizia il divertimento e puoi fare cose come installare una ROM personalizzate, eliminare bloatware e utilizzare app che richiedono l’accesso root.

Problemi con il root? Posso aiutarti?

Strumenti di rooting con un clic

Se l’idea di collegare il tuo Android al tuo PC e inserire una serie di comandi in una riga di comando va un po’ oltre la tua zona di comfort, ci sono una serie di strumenti che possono semplificare il processo. Invece di eseguire manualmente il root del dispositivo, puoi provare strumenti con un solo clic come KingoRootKingRootOneClickRoot e altro ancora.

Dovrai stare attento con questi però. La compatibilità dipende dal produttore, dal dispositivo in uso e dalla versione di Android in esecuzione.

Pertanto, anche se l’applicazione dichiara che è compatibile con il tuo telefono, potrebbe non esserlo se il tuo dispositivo è aggiornato.

Inoltre, queste app spesso installano bloatware sotto forma di utilità di pulizia sul dispositivo, perciò fai attenzione. Probabilmente è meglio eliminare manualmente i problemi di sicurezza associati a queste app.

Hai eseguito il root di Android? Come ti sei trovato?


Leggi anche ...

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.