Come eseguire il backup Windows 10

By | Mag 20, 2018
Come eseguire il backup Windows 10

Evitate di perdere i vostri file importanti se il vostro disco rigido dovesse rompersi o essere infettato da un virus. Vi mostriamo tre modi per eseguire il backup Windows 10. I dati sono un bene prezioso e vulnerabile, e sono soggetti a crash hardware o attacchi malware. Pertanto, eseguire backup regolare è essenziale per evitare di perdere quelle foto insostituibili, documenti o altri file digitali.




Windows 10 offre numerose opzioni per raggiungere questo obiettivo, in questo articolo ti mostriamo come utilizzare questi strumenti integrati per eseguire il backup dei dati. Inoltre, vi forniamo anche altre soluzioni utili, come i servizi di cloud storage, che possono garantire sicurezza e tranquillità.

Sebbene questo articolo riguardi principalmente Windows 10, gran parte di ciò che leggi in questo tutorial funziona anche per Windows 7 e Windows 8.1.

Cos’è un backup?

Prima di iniziare, vale la pena spiegare che in realtà esistono più tipi di backup. Essenzialmente ci sono due opzioni principali: una si concentra solo sui tuoi file di dati personali, mentre l’altra è per il tuo sistema operativo completo. Ecco una rapida ripartizione di queste varianti, in modo da sapere qual è l’opzione migliore per te.




Backup di file

Il primo è un “backup di file”, che consente di creare copie di singoli file, nonché di gruppi di file memorizzati sul PC. Questi potrebbero essere documenti importanti di cui hai bisogno per lavorare o la tua raccolta personale di foto, musica e video.

Raccomandiamo caldamente a tutti coloro che possiedono un PC di acquistare immediatamente un’unità disco esterna e di eseguire un backup di file. Le unità sono relativamente economiche e sicuramente valgono l’investimento per proteggere i tuoi file.

Backup del sistema

L’altro tipo di backup è noto come “backup del sistema” o “immagine di sistema“. Questo è un po’ più complicato in quanto comporta una copia di backup dell’intero sistema operativo Windows in esecuzione sul PC, oltre a tutti i programmi, i file e le impostazioni.

È quindi possibile utilizzare questo backup per riparare il PC se si comporta in modo irregolare o se smette di funzionare del tutto.

Questo tipo di backup può essere eseguito in centinaia di gigabyte, ma alcuni software per il backup possono eseguire qualcosa chiamato backup incrementale. Includono solo i dati che sono stati modificati dall’ultimo backup, consentendo di risparmiare tempo e spazio di archiviazione.

Come eseguire il backup Windows 10

Windows 10, come tutte le versioni precedenti di Windows, ha un numero di funzioni integrate che consentono di eseguire sia il backup di singoli file che backup di sistema più completi.

Tuttavia, le funzionalità possono essere un po’ confuse, quindi ti con questa guida ti guideremo attraverso le funzionalità di backup che devi conoscere, oltre a esaminare alcune delle altre opzioni di backup disponibili.

Questi includono i preferiti come il cloud storage (in particolare il cloud backup) e il software di backup specializzato di aziende diverse da Microsoft.

Inizieremo con le semplici funzionalità di backup dei file che è possibile utilizzare per creare copie dei propri file personali importanti.

Utilizzando la cronologia dei file

La cronologia dei file è una funzionalità che consente di creare copie pianificate e regolari dei dati personali sul PC e archiviarli su un’unità esterna.

È anche possibile archiviare i backup sul disco rigido interno del PC, ma questo è un po’ rischioso perché se qualcosa va storto con il tuo PC non sarai lo stesso in grado di recuperare tale backup.

Assicurati sempre di avere almeno un backup esterno dei tuoi file importanti. In effetti, molti utenti aziendali hanno almeno due o tre backup, uno dei quali verrà tenuto in una posizione separata da tutti gli altri.

Un mantra che vale la pena ricordare è che, se viene eseguito il backup una sola volta, non viene affatto eseguito il backup. Ovviamente è possibile combinare lo storage cloud con unità esterne, quindi non è necessario acquistare più dispositivi.

Per impostare la cronologia dei file devi prima aprire il menu Start e fare clic su Impostazioni.

Nel menu visualizzato selezionare Aggiorna e sicurezza, quindi fare clic sulla sezione Backup per visualizzare le opzioni pertinenti.

Come eseguire backup Windows 10

Come eseguire backup Windows 10

Nel riquadro di destra vedrai una sezione chiamata Back Up Using File History, e sotto c’è un’opzione per aggiungere un’unità.

Fare clic sul simbolo più (+) accanto a questo e verrà visualizzato un elenco di tutti i dischi rigidi esterni collegati al PC. Se hai più unità connesse, puoi semplicemente fare clic su quella che desideri utilizzare.

Backup Pc

Backup Pc

Quando ritorni alla sezione Backup ora vedrai che l’opzione è cambiata da Aggiungi un’unità per eseguire automaticamente il backup dei file e che questa opzione è attivata per impostazione predefinita.

È possibile attivare o disattivare questa opzione ogni volta che si desidera, ma è meglio lasciarla attiva in modo che i backup futuri vengano eseguiti automaticamente a intervalli regolari.

È inoltre possibile specificare la frequenza con cui devono essere eseguiti i backup della cronologia file e quali file e cartelle sono inclusi.

Fai clic sull’intestazione denominata Altre opzioni e verrai reindirizzato in una nuova finestra che contiene diverse funzioni utili.

Opzioni per il backup di Windows

Opzioni per il backup di Windows

Per impostazione predefinita, Cronologia file crea copie di backup dei tuoi file una volta all’ora, ma se vuoi che inizi immediatamente, puoi semplicemente fare clic sul pulsante ora.

Subito sotto c’è un menu a discesa che consente di specificare la frequenza con cui vengono eseguiti i backup. Questo può variare da ogni 10 minuti a solo una volta al giorno, ma i backup orari predefiniti probabilmente vanno bene per la maggior parte degli utenti.

Fare backup regolari di tutti i tuoi file può richiedere molto spazio sul tuo disco rigido esterno, quindi c’è un secondo menu a discesa che indica a Cronologia file quanto tempo dovrebbe conservare tutti quei backup.

L’opzione predefinita è mantenerli per sempre – meglio prevenire che curare, dopotutto – ma puoi variare da un mese a due anni se lo desideri.

È inoltre possibile indicare a Windows 10 di eliminare automaticamente i backup meno recenti, evitando che il disco rigido si riempia troppo rapidamente.

Quando crea un backup, Cronologia file copia automaticamente tutte le cartelle che fanno parte del tuo account utente principale sul PC, come musica, foto e video.

Per visualizzare le cartelle nel tuo account utente basta andare alla cartella Utenti sul tuo C: drive principale e fare clic sulla cartella che ha il tuo nome account personale – cioè C: / Users / Fulvio.

È anche possibile effettuare backup di file che sono memorizzati anche in altre cartelle. Basta fare clic su Aggiungi una cartella per aprire una finestra del browser file che consente di selezionare le cartelle desiderate.

Un pulsante Exclude ti consente di rimuovere le cartelle dalla tua pianificazione di backup, come ad esempio la cartella Giochi salvati, che probabilmente non è essenziale a meno che non sei arrivato a circa 50 ore con il tuo ultimo gioco.

Ripristino dei file di backup Windows 10

Per individuare un file dall’unità di backup, è sufficiente fare clic sul menu Start nella barra delle applicazioni di Windows 10 e digitare Cronologia file nella barra di ricerca.

Nell’elenco dei risultati della ricerca vedrai un’opzione denominata “Ripristina i tuoi file con la cronologia dei file” e quando fai clic su questo, apri una finestra che mostra tutte le cartelle di cui è stato eseguito il backup sul tuo disco rigido esterno.

La cosa da notare qui, però, è che c’è un set di controlli Avanti e Indietro nella parte inferiore di questa finestra, simile ai controlli di riproduzione che troverete su un qualsiasi lettore musicale o video.

Questi ti permettono di fare un passo indietro e in avanti tra tutti i backup che hai fatto nelle ultime settimane e mesi. Questo è molto utile in quanto significa che puoi tornare indietro e individuare i file che potresti aver eliminato molti mesi fa.

Puoi anche usarlo per recuperare e confrontare diverse versioni di un file su cui potresti aver lavorato e modificato in un periodo di tempo.

Esistono, naturalmente, dozzine di programmi di backup e software, sia gratuiti che a pagamento, che possono aiutare con i backup di file, ma queste opzioni incorporate in Cronologia file in Windows 10 dovrebbero essere perfettamente adeguate per l’uso generale.

La maggior parte dei dischi rigidi include anche il proprio software di backup, incluso nel prezzo. Pertanto, in genere non è necessario preoccuparsi di trovare o acquistare altre applicazioni per questo tipo di backup di file.

Servizi di cloud storage

C’è un altro modo per assicurarti di non perdere file o dati importanti, e questo è per trasferirli o sincronizzarli sul cloud.

Esistono così tanti eccellenti servizi di cloud storage disponibili – tutti gratis, o che costano poco – se stai già utilizzando la Cronologia file o qualsiasi altro software di backup.

Dropbox è forse il servizio di cloud storage più conosciuto, ma in questi giorni l’offerta di 2 GB sembra un po’ magra. Il servizio OneDrive di Microsoft è già integrato in Windows 10, il che lo rende un’opzione semplice.

Ci sono molti altri servizi che offrono anche lo spazio di archiviazione online, come Google Drive, pCloud, Tresorit, e c’è persino una versione Windows di iCloud di Apple, che sarà utile per gli utenti iPhone.

La maggior parte di questi servizi fornisce tra 5 e 10 GB di spazio di archiviazione online completamente gratuito.

Vale la pena sottolineare, tuttavia, che la maggior parte di questi servizi di cloud storage sono progettati per la “sincronizzazione dei file” anziché per semplici backup di file.

Quando ti iscrivi a un servizio di cloud storage ti viene chiesto di creare una cartella di caricamento speciale sul tuo PC, proprio come la cartella OneDrive già presente in Windows 10.

Tutti i file posizionati in queste cartelle vengono quindi caricati automaticamente nell’archivio cloud online e copiati su qualsiasi altro computer o dispositivo mobile che sia anche collegato al tuo account.

Questo è molto utile, e milioni di persone usano queste funzionalità di sincronizzazione dei file ogni giorno. Tuttavia, sincronizzare i file su più dispositivi significa che se si elimina accidentalmente un file da un dispositivo, tale file verrà eliminato anche dal cloud storage online e anche da tutti gli altri dispositivi.

La maggior parte dei servizi moderni dispone di un’opzione “non disponibile” e offre il controllo delle versioni, ma controlla che queste funzionalità siano disponibili prima di fidarti dei tuoi preziosi file nel cloud.

Per la massima sicurezza, ti consigliamo comunque di conservare i tuoi file di backup principali memorizzati su un disco rigido esterno come prima linea di difesa, con l’opzione di archiviazione cloud come copia aggiuntiva.

Backup di sistema in Windows 10

I backup di file sono relativamente semplici, ma i backup di sistema sono completamente diversi.

Un sistema operativo come Windows non è un singolo software che è possibile copiare rapidamente su un disco rigido esterno o caricarlo nel cloud. Consiste di centinaia di software interconnessi che svolgono molti compiti diversi.

Fare un backup dell’intero sistema operativo è molto più complicato del semplice backup di una cartella piena dei tuoi scatti natalizi.

Per fortuna Windows 10 include una serie di funzionalità per la creazione di backup del sistema. Forse l’opzione più nota qui è Ripristino configurazione di sistema.

Utilizzo di un punto di ripristino

Microsoft ha una sorta di Ripristino configurazione di sistema declassato in Windows 10 e, in realtà, questa funzione è davvero più uno strumento di risoluzione dei problemi che altro. Anche così, è ancora molto utile conoscerlo ed è spesso il modo più rapido per risolvere i problemi con Windows e altre app sul PC.

Lo strumento Ripristino configurazione di sistema è nascosto all’interno del Pannello di controllo di Windows e, in alcuni casi, viene anche definito Protezione del sistema, ma il modo più rapido per trovarlo in Windows 10 è semplicemente fare nuovamente clic sul menu Start e digitare ripristino.

La funzionalità è disattivata per impostazione predefinita in Windows 10, quindi è necessario fare clic sull’unità C: principale nell’elenco delle unità che vedrai qui, fare clic su Configura, quindi su Attiva protezione sistema. 

Backup di sistema in Windows 10

Backup di sistema in Windows 10

Fatto ciò, ora puoi fare clic sul pulsante Crea per creare il tuo primo punto di ripristino.

Ogni punto di ripristino è una sorta di istantanea del modo in cui Windows è configurato sul PC in una data e un’ora specifiche.

Insieme a Windows, include anche tutte le tue app, come Microsoft Office, nonché il software del driver per dispositivi come una stampante o una scheda grafica.

Windows crea automaticamente un punto di ripristino ogni volta che si installa un nuovo programma o driver sul PC o si scaricano importanti aggiornamenti di Windows. Puoi anche usare quel pulsante Crea per creare i tuoi punti di ripristino quando vuoi.

Se successivamente ti accorgi che il tuo PC si comporta in modo irregolare, o un particolare programma non funziona correttamente, puoi scegliere uno dei punti di ripristino salvati sul tuo PC e riportare il tuo PC allo stato in cui si trovava in quella particolare data.

L’app che usiamo per riprodurre DVD su uno dei nostri PC desktop è un po ‘flakey e smette di funzionare ogni tanto. Tuttavia, poiché abbiamo creato un punto di ripristino quando abbiamo installato l’app per la prima volta, ogni volta che il lettore DVD si guasta, utilizziamo semplicemente Ripristino configurazione di sistema per ripristinare la versione originale.

Ricorda che, sebbene ripristini Windows e altre app sul PC, Ripristino configurazione di sistema lascia da solo i normali file, foto e altri documenti. Questa limitazione significa che Ripristino configurazione di sistema non è una soluzione completa per i normali backup di file, anche se è ancora molto utile per correggere altri tipi di problemi che riguardano Windows e altre app.

Creazione di un’immagine di sistema

L’opzione principale per il backup di Windows 10 si chiama System Image. Usare System Image è un pò più difficile, anche perché è piuttosto difficile da trovare.

Avrai bisogno di fare clic destro sul pulsante Start, quindi dal menu selezionare Pannello di controllo e cercare in Sistema e sicurezza per backup e ripristino (Windows 7) .

Questo riferimento a Windows 7 è presente poiché alcune delle opzioni di Image System vengono trasferite da Windows 7 e Windows 10 consente comunque di utilizzare i vecchi backup di Windows 7 (utile per molte persone che hanno ignorato completamente Windows 8 e sono passate direttamente da Windows 7 a Windows 10 negli ultimi mesi).

backup immagine di sistema

backup immagine di sistema

Quando apri la finestra Backup e ripristino, vedrai l’opzione per creare un’immagine di sistema nel pannello sul lato sinistro della finestra. Questa opzione crea un duplicato esatto del disco rigido del tuo PC – a volte indicato come “clone del disco” – incluso Windows 10 stesso, insieme a qualsiasi altro programma e tutti i file personali che hai memorizzato sul tuo PC.

L’immagine di sistema è memorizzata sul tuo disco rigido esterno, quindi se hai problemi con il PC, puoi semplicemente copiare l’immagine del sistema sul disco rigido interno del tuo PC per ripristinare una copia funzionante di Windows 10 sul tuo PC , insieme a tutti gli altri programmi e file.

È possibile farlo andando su Start Menu> Impostazioni> Aggiorna e sicurezza , e quindi facendo clic su Ripristino nel pannello di sinistra (in alternativa, se il PC non funziona normalmente, è possibile riavviare il PC utilizzando la partizione di ripristino trovata sulla maggior parte dei PC che usano Windows 10, e questo ti chiederà se vuoi ripristinare il PC usando un’immagine di sistema).

Questo è uno strumento davvero utile per risolvere i problemi con il PC, ma l’unico inconveniente di System Image è che è un’opzione tutto-o-niente. L’intera immagine del sistema viene copiata sul tuo PC tutta in una volta e non ti consente di localizzare in modo selettivo singoli file o altri dati che potresti aver perso, come puoi fare con la Cronologia file.

Quindi, se hai bisogno di aggiustare il tuo PC usando un file immagine di sistema che hai creato la settimana scorsa, scoprirai che qualsiasi nuovo file o qualsiasi altra modifica apportata al tuo PC nell’ultima settimana è andata persa.

Ti consigliamo di continuare a utilizzare la Cronologia file per eseguire backup regolari dei tuoi file importanti, quindi utilizzare Immagine del sistema come ultima opzione per le vere emergenze.

Se approfondisci un po’ più a fondo Windows vedrai che puoi creare diversi tipi di immagini di sistema, che possono memorizzare file o Windows stesso. Ma, naturalmente, questo rende le cose ancora più complicate e la natura all-or-nothing dei backup di System Image significa che non è il modo migliore per provare a recuperare file o dati specifici in caso di emergenza.

Abbiamo finito. Come avrai letto c’è più di un modo per eseguire il backup Windows 10, quello più affidabile, rimane cronologia dei file, poi devi decidere tu in base alle tue esigenze!


Leggi anche ...

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.