Che cos’è la modalità HDR

By | marzo 12, 2018

L’HDR è una funzione della fotocamera che si trova praticamente su tutti gli smartphone attuali presente su entrambi i telefoni Android e iPhone ( iOS ). È progettato per produrre immagini più nitide, fornendo un migliore equilibrio tra le aree chiare e scure dell’immagine attraverso le regolazioni dell’esposizione.




Che cos’è la modalità HDR

In questa guida vi spiegheremo in dettaglio come funziona l’HDR, in quali situazioni utilizzare o evitare la funzionalità. HDR … tre lettere che sono presenti nelle applicazioni della maggior parte degli attuali smartphone e che hanno sempre destato la curiosità degli utenti.

Sai cos’è questa funzionalità, a cosa serve e quando è il momento giusto per usarla? Bene, scopriamo tutto nelle prossime righe, dai.

Cos’è l’HDR?

HDR è l’acronimo di High Dynamic Range. In termini tecnici, significa la quantità di luce di diverse intensità che può essere registrata dall’obiettivo della fotocamera. Sebbene l’obiettivo HDR sia quello di migliorare le foto, non è consigliabile andare in giro usando questa funzione in qualsiasi ambiente tu voglia fotografare.




L’uso improprio della funzionalità potrebbe avere l’effetto opposto: farà sì che l’immagine acquisisca quell’aria artificiale, dando l’impressione di aver subito un bellissimo trattamento Photoshop. Ma non preoccuparti. Di seguito ti spiegheremo come funziona l’HDR in pratica, oltre a dove e quando utilizzare l’HDR.

Come funziona l’HDR?

Quando attivato, la modalità HDR utilizza diverse immagini acquisite nello stesso scatto (solitamente tre), ognuna con una diversa sfumatura di luce, ombra e tempo di esposizione. Da lì, il software della fotocamera dello smartphone combina queste foto in una sola, ottenendo un’immagine finale che prende tutti i dettagli che andrebbero persi in condizioni di scarsa illuminazione.

Fino a poco tempo fa, l’HDR era una caratteristica unica dei software di imaging come Photoshop, Photomatix o Aperture. Prima dell’arrivo della funzionalità nelle fotocamere degli smartphone, era necessario acquisire le tre foto (con la fotocamera o il cellulare), trasferirle su un PC che aveva uno di questi programmi e utilizzare la funzione HDR per mettere insieme queste tre immagini ed evidenziare il migliori parti di ciascuno.

Per evitare tutto questo lavoro di editing, i produttori di smartphone sono stati in grado di adattare l’HDR al software della fotocamera dei loro dispositivi. Quindi, una volta attivato, eseguirà tutto il lavoro regolando automaticamente l’esposizione delle immagini. Quello che devi fare è solamente scattare la foto e il risultato sarà qualcosa che dovrebbe assomigliare più a quello che vedono i tuoi occhi e meno a ciò che la videocamera “vede”.

Vale la pena ricordare che quando si utilizza la fotocamera in modalità HDR, l’immagine impiega circa 3 secondi per apparire sullo schermo, poiché il software sta combinando le foto catturate in condizioni diverse.

Quando usare HDR?

Come detto prima, l’HDR non può essere utilizzato in qualsiasi momento, con il rischio di dare alle foto quell’aspetto artificiale. Ecco alcuni suggerimenti su quando utilizzare la funzione per acquisire le immagini:

  • Paesaggi (panoramici):  generalmente, i grandi paesaggi hanno grandi contrasti tra cielo e terra, ad esempio, il che rende difficile per la fotocamera combinare tutti i dettagli nella stessa immagine. Con l’HDR, la fotocamera dello smartphone acquisisce i dettagli del cielo senza lasciare l’aspetto dello schermo troppo scuro e viceversa.

Ricorda, tutto qui è essenzialmente correlato all’incidenza della luce, quindi l’obiettivo della fotocamera darà la priorità l’uno sull’altro – più luce, meno luce.

  • Ritratti alla luce del sole: l’illuminazione è uno degli aspetti più importanti di una buona foto, ma in aree aperte, la luce del sole può causare ombre. L’HDR può regolare queste discrepanze e far apparire meglio il motivo dell’immagine.
  • Scarsa luminosità e scene in controluce: se la foto è troppo scura, il che avviene se la scena è in controluce, l’HDR può illuminare il primo piano, mentre un’immagine molto scura o luminosa (burst). In altre parole, bilancia la scena.

Ma è sempre bene ricordare: l’HDR non fa miracoli, poiché ci sono dei limiti logici. Ad esempio, se non c’è luce in un ambiente, anche se la fotocamera cattura la massima luce in una delle tre immagini, rimarrà scura perché le altre due immagini avranno lo stesso forte contenuto scuro.

Quando non usare HDR?

Se in molte occasioni l’HDR ti aiuta davvero, in altre fa sembrare le immagini peggiori. Ecco alcune situazioni in cui è meglio non usare HDR:

  • Immagini in movimento: se uno qualsiasi dei tuoi oggetti si sta muovendo (o può muoversi), l’HDR aumenta le possibilità di cancellazione di una foto. Ricorda, l’HDR fa tre scatti, quindi se il soggetto si muove tra il primo scatto e il secondo, l’immagine finale non sarà buona.
  • Scene ad alto contrasto: alcune foto hanno un aspetto migliore con un forte contrasto tra le parti chiare e scure della foto, come se voleste evidenziare punti più scuri. Quindi l’HDR lo renderà meno intenso, risultando in una foto meno prominente.
  • Colori vivaci: se l’ambiente è troppo scuro o troppo chiaro, l’HDR può lasciare alcuni colori senza vita. Tuttavia, se hai a che fare con colori che sono già molto vivi, l’HDR può renderli ancora più vivaci.

Come attivare l’HDR sullo smartphone

Come già accennato, quasi tutti i dispositivi attuali hanno l’HDR di fabbrica, inclusi i modelli intermedi. La funzione è disabilitata di default, basta semplicemente attivarla nelle impostazioni della fotocamera ogni volta che si desidera catturare foto ad alta gamma dinamica.

Ad esempio, nel Moto G2 è possibile accedere alle impostazioni trascinando il dito da sinistra a destra. Nella parte superiore degli strumenti troviamo l’HDR; basta toccarlo e selezionare l’opzione “On”.

Noti grandi differenze quando usi la modalità HDR sul tuo smartphone?

Come migliorare la fotocamera su Android

Si bella domanda. Vi siete mai chiesti, perché non riuscite a scattare delle buone foto con il vostro telefono Android, mentre il tuo amico potrebbe fare quasi dei scatti professionali? Ti capita spesso di ascoltare persone che si lamentano della fotocamera del proprio cellulare? Se volete approfondire l’argomento leggete, come migliorare la fotocamera su Android?

Quali sono le migliori applicazioni fotocamera per Android e iOS

Con la fotocamera dello smartphone è possibile catturare tutto quello che volete, registrare video ad alta definizione e immagini in HD. C’è un modo per rendere le vostre immagini più belle, chiare e vivide? Si, utilizzando le migliori applicazioni fotocamera per Android e iOS


Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.